Andrea Capobianco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Andrea Capobianco
Andrea Capobianco.jpg
Nazionalità Italia Italia
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Allenatore
Squadra Italia Italia U-18
Carriera
Carriera da allenatore
1994-1997Battipaglia(vice)
1997-2000Pall. Salerno
2000-2002Scandone Avellino(vice)
2002-2005Pall. Salerno
2005-2006Scandone Avellino10-17
2006-2008Aurora Jesi
2008-2010Teramo Basket20-38
2010-2015Italia Italia(vice)
2015Italia Italia U-19
2015-2017Italia Italia
2017-Italia Italia U-18
2019Italia Italia U-20
Palmarès
Transparent.png Mondiali Under 19
Argento Egitto 2017
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 6 ottobre 2017

Andrea Capobianco (Napoli, 9 agosto 1966) è un allenatore di pallacanestro italiano.

Ha allenato in Serie A ad Avellino e Teramo, è stato il vice di Simone Pianigiani sulla panchina della Nazionale italiana. Da settembre 2015 al 2017 è stato allenatore della nazionale femminile di basket.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Originario di Venafro e chiamato Capo da suoi compaesani, dal 1994 al 1997 è assistente allenatore del Battipaglia (A2). Nella stagione successiva e fino alla stagione 1999/2000 esordisce come capo-allenatore a Salerno vincendo un campionato di C2 approdando così in C1[1].

Nel 2000-01 torna al ruolo di vice-allenatore ma questa volta in A1 ad Avellino, qui vi rimane anche nella stagione successiva. Dal 2002[2] al 2005[3] torna a Salerno come head-coach.

Nel 2005-06 ha affrontato la sua prima esperienza da allenatore in A1, sempre ad Avellino.

Il 13 dicembre 2006 approda sulla panchina dell'Aurora Basket Jesi (A2) per sostituire Slobodan Subotić[4] (che aveva guidato la squadra in un avvio di campionato disastroso con sole 3 vittorie in 11 partite) riuscendo nell'impresa di portare a gara-5 di una semifinale di play-off una squadra che a dicembre sembrava già destinata ad una certa retrocessione.

Confermato alla guida dell'Aurora Basket Jesi, nella stagione 2007-08 si supera, chiudendo il girone di andata al 4º posto; questo piazzamento vale alla sua squadra la partecipazione alla Final Four di Coppa Italia che si svolge a Ferrara tra 1 e 2 marzo. Se l'aggiudica proprio la sua squadra, battendo Ferrara in finale.

La stagione si conclude poi con l'ottavo posto nella Regular Season e la partecipazione alla Finale, vinta poi dalla Juve Caserta. Questi risultati gli hanno valso la chiamata di Teramo in Lega A nella stagione 2008-09.

Con Teramo raggiunge uno storico terzo posto al termine della Regular Season, portando per la prima volta la società abruzzese ai play-off. Traguardi che gli consentono di vincere il premio come "Miglior tecnico del campionato italiano 2008-09". L'anno successivo Capobianco è ancora a Teramo dove, nonostante un'annata decisamente al di sotto delle aspettative, la squadra riesce a salvarsi nel finale. Nella stagione 2010-11 Capobianco viene esonerato da Teramo dopo le prime deludenti partite in cui la società abruzzese incassa un passivo di 6 sconfitte su 6. Coach Capobianco sarà sostituito da Alessandro Ramagli.

È responsabile del settore squadre nazionali giovanili, assistant coach part-time della Nazionale maggiore e partecipa a vari clinic come istruttore[5]. Da settembre 2015 al 2017 è stato allenatore della nazionale femminile di basket.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Miro De Giuli, Lezione tecnica per gli allenatori di Ravenna di Andrea Capobianco e Marco Ramondino, in BasketNet.net, 31 gennaio 2011. URL consultato il 27 aprile 2011.
  2. ^ Comunicato Stampa Pallacanestro Salerno, Salerno: Andrea Capobianco sarà l'allenatore, definiti alcuni acquisti [collegamento interrotto], in BasketNet.net, 15 luglio 2002. URL consultato il 27 aprile 2011.
  3. ^ Vincenzo Senatore, Salerno, le previsioni del "professor" Capobianco: "Sarà un campionato durissi [collegamento interrotto], in BasketNet.net, 30 luglio 2004. URL consultato il 27 aprile 2011.
  4. ^ Evasio Santoni, È Capobianco il nuovo coach della Fileni, in Il Messaggero - Legadue, 14 dicembre 2006. URL consultato il 27 aprile 2011.
  5. ^ Roberto Quartarone, Capobianco: «La serietà è la chiave», in Basket Catanese, 26 aprile 2011. URL consultato il 27 aprile 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Template:Italia di pallacanestro Under-20 agli europei 2019