Alberto Viviani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Alberto Viviani (Firenze, 11 luglio 1894Firenze, 1970) è stato uno scrittore, poeta e giornalista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato da Alfredo e da Emilia Meucci a Firenze, in via dei Cappuccini 21; futurista della prima ora, presentato da F. T. Marinetti come "il più giovane poeta futurista"[1], partecipò al movimento d'avanguardia collaborando con la rivista Lacerba.[2]

Tra il 1910 e il 1911 fece parte del cenacolo letterario della «Difesa dell'arte», a Firenze, con Mario Carli ed Emilio Settimelli.[3]

Partecipò alla prima guerra mondiale in qualità di ufficiale dei mitraglieri, rimanendo mutilato.

Collaborò con varie riviste, italiane e straniere, come La Riviera ligure, Diana, Cronache letterarie, Themis (Barcellona), Soi-même (Parigi), La Lettura[4], L'Epoca, Cronache marittime, Quadrivio, Meridiano di Roma, Sipario.[3]

Nel 1941 fu nominato per «chiara fama» titolare della cattedra di letteratura italiana nell'Accademia di belle arti di Roma.[2]

Onorificenze e premi[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana
«Di iniziativa della Presidente della Repubblica»
— Roma, 2 giugno 1955[5]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Alberto Viviani, La vita lontana, Torino, Lattes, 1919.
  • Alberto Viviani, Il libro delle stelle, Torino, Paravia, 1921.
  • Alberto Viviani, Eroica del Mare, Firenze, Bemporad e Figlio, 1928.
  • Alberto Viviani, Ho incontrato Manon, Milano, Ceschina, 1929.
  • Alberto Viviani, Giubbe rosse : (1913-1914-1915), Firenze, Barbera, 1933.
  • Alberto Viviani, Cesare Augusto, Firenze, Vallecchi, 1935.
  • Alberto Viviani, Giacomo Leopardi, Roma, A. F. Formiggini, 1937.
  • Alberto Viviani, Novità dell'oltremondo, Firenze, Vallecchi, 1938.
  • Alberto Viviani, Poesie : 1935-1946, Firenze, Barbera, 1946.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Filippo Tommaso Marinetti, Alberto Viviani, Paolo Perrone Burali d'Arezzo, Firenze biondazzurra sposerebbe futurista morigerato, Palermo, Sellerio editore, 1992, p. 14.
  2. ^ a b c VIVIANI Alberto, p. 585.
  3. ^ a b Alberto Viviani, p. 2218.
  4. ^ Articoli di Viviani pubblicati su "La Lettura", su Internet Culturale. URL consultato il 17 dicembre 2016 (archiviato dall'url originale il 20 dicembre 2016).
  5. ^ VIVIANI ALBERTO, in Chi scrive: repertorio bio-bibliografico e per specializzazioni degli scrittori italiani, Milano, Igap, 1966, p. 568.
  6. ^ Premio della cultura ad Alberto Viviani, in La Nazione, 13 giugno 1961, p. 4.
  7. ^ Almanacco italiano: volume 64, Firenze, Bemporad-Marzocco, 1964, p. 188.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pietro Gorgolini, "Italica": N-Z, Torino, Edizioni S.A.C.E.N. (Soc. an. casa ed. naz.), 1929.
  • Lionello Fiumi, Alberto Viviani, in Giunta a Parnaso: saggi e note su poeti del secolo XX, Bergamo, La Nuova Italia letteraria, 1954, p. 70.
  • Chi è? Dizionario degli Italiani d'oggi, Roma, Angelo Fortunato Formiggini, 1957.
  • Giulio Cogni, Alberto Viviani: poeta, narratore, saggista, Roma, Il Fauno, 1961

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN17239496 · ISNI (EN0000 0001 2319 9399 · SBN IT\ICCU\CFIV\078202 · LCCN (ENn84179035 · GND (DE11953035X · BNF (FRcb120347139 (data) · ULAN (EN500095102 · BAV ADV11219581 · WorldCat Identities (ENn84-179035