Italo Tavolato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Italo Tavolato (Trieste, 21 febbraio 1889Roma, 12 gennaio 1963) è stato uno scrittore italiano. Fu esponente del Futurismo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Collaborò con la rivista Lacerba di Papini e Soffici, e nel 1913 vi pubblicò Immoralismi[1], Glossa sopra il manifesto futurista della Lussuria e L'elogio della prostituzione. Per quest'ultimo articolo fu condannato per oltraggio al pudore.[2]. Subito dopo pubblicò per Gonnelli il volume Contro la morale sessuale.

Collaborò anche con La Voce[3].

Tra il 1915 e il 1918 Tavolato si recò spesso a Capri dove pubblicò l'unico numero della rivista "E- ros".[4] Avvicinatosi subito al nascente fascismo, negli anni '30 sarà agente della polizia politica del regime[5]. È stato corrispondente romano della rivista italo-tedesca Berlin Rom Tokio.[6]

Nel 1986, ispirandosi alla sua vicenda, Sebastiano Vassalli pubblicò per Einaudi il romanzo storico L'alcova elettrica.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Italo Tavolato, Contro la morale sessuale, Firenze, Gonnelli, 1913.
  • Italo Tavolato, Elogio della prostituzione, in Anna K. Valerio (a cura di), Bestemmia contro la democrazia, Padova, Edizioni di Ar, 2009.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN17398897 · ISNI (EN0000 0001 1561 1849 · LCCN (ENn87883921 · GND (DE120282623 · BNF (FRcb13623540c (data) · BAV (EN495/269942 · WorldCat Identities (ENlccn-n87883921