Al-Qasim Gannun

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

al-Qāsim Gannūn[1] ibn Ibrāhīm (Arabo القاسم كَنون بن إبراهيم; ... – 948) fu l'undicesimo sultano della dinastia sciita degli Idrisidi del Maghreb al-Aqsa (attuale Marocco). Regnò dal 937 al 948.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era fratello di Yaḥyā III ibn al-Qāsim e al-Ḥasan "al-Ḥajjām".

Il fratello al-Ḥajjām fu sconfitto e costretto alla fuga dal generale fatimide Mūsā ibn Abī l-ʿĀfiya nel 927, data in cui gli Idrisidi furono cacciati definitivamente da Fez, città da loro fondata.

Al-Qāsim Gannūn approfittò della lotta tra le fazioni fedeli ai Fatimidi e quelle fedeli agli Omayyadi del Califfato di Cordova per prendere il controllo del Rif e della regione di Jbala, stabilendosi nella fortezza di Hajar al-Nasar, riconoscendo nominalmente la sovranità fatimide. La rivolta kharigita guidata da Abū Yazīd che dovettero affrontare i Fatimidi, assicurò a Gannūn un regno relativamente tranquillo.

Morì nel 948 e gli succedette al trono il figlio Abū l-ʿAysh Aḥmad.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Secondo la realtà grafica Kannūn.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • H. Terrace, Histoire du Maroc, 2 voll., Casablanca, Atlantides, 1949-50

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie