Yahya ibn al-Qasim

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Yaḥyā III ibn al-Qāsim (in arabo: يحيى الثالث بن القاسم‎; ... – 904) fu l'ottavo sultano della dinastia sciita degli Idrisidi, regnò sul Maghreb al-Aqsa (l'attuale Marocco) dall'883 al 904, anno della sua morte.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlio di al-Qāsim ibn Idrīs, quindi nipote di Idrīs II.
Era governatore di Tangeri quando venne chiamato dalla popolazione del quartiere al-Qarawiyyīn[1] di Fez per scacciare il ribelle sufrita ʿAbd al-Razzāq, che aveva sconfitto e costretto alla fuga il sultano ʿAlī II. Yaḥyā III arrivò a Fez, occupando la città e costrinse alla fuga il ribelle, venendo proclamato sultano idriside.

Dopo la salita al trono, dovette combattere i ribelli kharigiti sufriti. In seguito dovette fronteggiare la ribellione di Yaḥyā ibn Idrīs ibn ʿUmar, un nipote di ʿAlī II. Rabīʿ ibn Sulaymān, un generale al servizio di Yaḥyā ibn Idrīs, sconfisse e uccise Yaḥyā III nel 904, permettendo l'ascesa al trono di Yaḥyā ibn Idrīs.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cioè degli oriundi di Qayrawan.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • H. Terrace, Histoire du Maroc, 2 voll., Casablanca, Atlantides, 1949-50

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]