Mulay Sulayman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Mulay Sulaymān (alla francese Slimane) (176628 novembre 1822) è stato un sultano marocchino della dinastia alawide dal 1792 al 1822. È stato uno dei cinque figli del sultano Mohammed ben Abdallah, che combatterono una guerra civile tra di loro per impadronirsi del regno paterno. Sulaymān riuscì a salire al trono nel 1792, dopo la morte del fratello al Yazid. Il suo regno fu agitato dagli antagonismi che esistevano tra le varie tribù berbere del regno, che egli non riuscirà mai completamente a placare. A Marrakech fece costruire la moschea Ali Ben Youssef.

Cortile della legazione americana di Tangeri, il primo ufficio diplomatico statunitense al mondo.

Sulaymān continuò l'opera di centralizzazione e di espansione del regno iniziata dal padre. Pose fine all'attività corsara che da secoli era una delle principali attività delle città costiere del regno e che erano state causa di attriti e di veri e propri scontri armati con Spagna e Portogallo. Il commercio con l'Europa ne risentì negativamente ma Mulay Sulaymān continuò l'opera di avvicinamento agli Stati Uniti avviata dal padre, tanto che a Tangeri sarà aperto il primo ufficio diplomatico statunitense del mondo.

Entrata della legazione americana di Tangeri, il primo ufficio diplomatico statunitense al mondo.
Predecessore Sultano del Marocco Successore Royal standard of Morocco.svg
Mulay al-Yazid ibn Muhammad 1792 - 1822 Mulay 'Abd al-Rahman
Controllo di autorità VIAF: (EN71243659 · LCCN: (ENnr91007262
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie