Shabab Al-Ahli Dubai Football Club

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Al-Ahli Club)
Jump to navigation Jump to search
Shabab Al-Ahli Dubai Football Club
Calcio Football pictogram.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px Rosso e Verde (Bordato).png Rosso, verde
Dati societari
Città Dubai
Nazione Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti
Confederazione AFC
Federazione Flag of the United Arab Emirates.svg UAEFA
Campionato Lega professionistica degli Emirati Arabi Uniti
Fondazione 1958
Presidente Emirati Arabi Uniti Al Maktoum
Allenatore Emirati Arabi Uniti Mahdi Ali
Stadio Al-Rashid
(18 000 posti)
Sito web www.alahliclub.ae/
Palmarès
Titoli nazionali 7 Campionati emiratini
Trofei nazionali 9 Coppe del Presidente
4 Supercoppe degli Emirati Arabi Uniti
3 Coppe di Lega
Si invita a seguire il modello di voce

Lo Shabab Al-Ahli Dubai Football Club (in arabo: نادي شباب الأهلي, "club calcistico giovanile nazionale di Dubai") noto semplicemente come Al-Ahli Dubai, è una società calcistica degli Emirati Arabi Uniti con sede nella città di Dubai, che milita attualmente nella Lega professionistica degli Emirati Arabi Uniti.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il club fu fondato nel 1970, quando due squadre di calcio locali, il Wehdah Al- Shabab e l'A-Najah si unirono a formare l'Al-Ahli Club. Appena quattro anni dopo l'istituzione della Lega professionistica degli Emirati Arabi Uniti, il neonato club riuscì a vincere il campionato degli Emirati Arabi Uniti per due volte consecutive, nel 1975 e nel 1976, impresa poi ripetuta nel 1980; l'Al-Ahli divenne così una delle squadre sportive più popolari del paese.

Nel ventennio successivo la squadra attraversò un periodo di declino, fino alla retrocessione del 1995-1996, quando fu sconfitta all'ultimo turno dall'Al-Shabab, che si laureò campione degli Emirati Arabi Uniti condannando alla caduta in seconda serie l'Al-Ahli, cui sarebbe bastato un solo punto per rimanere in massima divisione. Dieci anni dopo, nel 2005-2006, l'Al-Ahli tornò a vincere il titolo nazionale, ma tra il 1996 e il 2004 fu in grado di aggiudicarsi 3 Coppe del Presidente. Nella stagione 2007-2008 l'Al-Ahli vince la sua settima Coppa del Presidente, cui si aggiunsero tre altre ottenute tra il 2008 e il 2019. Vinto nuovamente il campionato el 2007-2008, guadagnò l'accesso al Mondiale per club 2009 in quanto squadra campione in carica del paese ospitante la manifestazione, come rappresentante della nazione ospitante: il cammino della squadra di Dubai si interruppe già al primo turno a causa della sconfitta per 2-0 contro i neozelandesi dell'Auckland City.

Dopo la delusione del Mondiale per club, per l'Al-Ahli si aprì un periodo di successi in patria. Nella stagione 2011-2012 vinse per la prima volta la Coppa di Lega sconfiggendo in finale l'Al-Shabab, mentre nella stagione successiva ottenne il secondo posto in campionato dietro all'Al-Ain, piazzamento che permise al club di Dubai di tornare a giocare in AFC Champions League. Nella stagione 2012-2013 il club arricchì il proprio palmarès con la vittoria dell'ottava Coppa del Presidente, sconfiggendo ancora l'Al-Shabab.

La stagione 2013-2014 è quella del triplete domestico, con le vittorie della seconda supercoppa nazionale contro l'Al Ain, del seconda campionato, a scapito dell'Al-Jazira, e del campionato conclusa con la vittoria del sesto titolo nazionale.

Nell'estate 2017 il Dubai Club e l'Al-Shabab si fusero con l'Al-Ahli, andando a creare lo Shabab Al-Ahli Dubai Football Club, prosecutore della tradizione sportiva dell'Al-Ahli.[1]

Simboli e colori[modifica | modifica wikitesto]

Il logo originario dell'Al-Ahli reca un falco nella parte superiore e le parole "Al Ahli Club", scritte in orizzontale. Dopo il rebranding nel 2006, il nuovo logo ha la forma di una testa di cavallo con le lettere AC ("Al Ahli Club") sulla parte superiore. Il nuovo logo rappresenta la forza e l'allegria anche va di pari passo con il nuovo soprannome della squadra, Cavalieri, che ha sostituito il vecchio soprannome di Diavoli rossi.

Organico[modifica | modifica wikitesto]

Rosa 2020-2021[modifica | modifica wikitesto]

Rosa e numerazione aggiornate al 21 settembre 2020.

N. Ruolo Giocatore
1 Emirati Arabi Uniti P Jamal Al-Hosani
2 Emirati Arabi Uniti D Salmeen Khamis
3 Emirati Arabi Uniti C Dawood Ali
4 Emirati Arabi Uniti C Habib Al Fardan
5 Emirati Arabi Uniti D Walid Abbas
7 Emirati Arabi Uniti C Ismail Al Hammadi
8 Emirati Arabi Uniti C Waleed Hussain
9 Emirati Arabi Uniti D Abdulaziz Haikal
10 Argentina A Mauro Díaz
12 Emirati Arabi Uniti P Hassan Hamza
13 Emirati Arabi Uniti C Khamis Esmaeel
14 Argentina C Emiliano Vecchio
17 Emirati Arabi Uniti C Walid Amber
18 Emirati Arabi Uniti D Mohammed Ismaeel
20 Emirati Arabi Uniti A Saeed Al-Bloushi
N. Ruolo Giocatore
23 Ecuador A Jaime Ayoví
26 Emirati Arabi Uniti C Hassan Ibrahim
27 Emirati Arabi Uniti C Jassem Salem
30 Emirati Arabi Uniti C Mohammed Jumaa
33 Emirati Arabi Uniti P Saif Yousef
44 Emirati Arabi Uniti D Mohammed Marzooq
55 Emirati Arabi Uniti P Majed Naser
57 Emirati Arabi Uniti D Mohammed Sebil
62 Emirati Arabi Uniti D Abdelaziz Sanqour
67 Emirati Arabi Uniti D Majed Ahmed
77 Emirati Arabi Uniti A Rashed Hassan
88 Emirati Arabi Uniti C Majed Hassan
90 Moldavia A Henrique Luvannor
Argentina C Federico Cartabia

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

1974-1975, 1975-1976, 1979-1980, 2005-2006, 2008-2009, 2013-2014, 2015-2016
1974-1975, 1976-1977, 1987-1988, 1995-1996, 2001-2002, 2003-2004, 2007-2008, 2012-2013, 2018-2019
2008, 2013, 2014, 2016
2011-2012, 2013-2014, 2016-2017, 2018-2019

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Secondo posto: 1973-1974, 2000-2001, 2003-2004, 2012-2013, 2018-2019
Terzo posto: 1983-1984, 1987-1988, 2002-2003, 2016-2017
Semifinalista: 1991-1992, 2004-2005, 2015-2016, 2017-2018
Finalista: 1992-1993, 2001-2002
Semifinalista: 2000-2001
Finalista: 1992-1993, 2001-2002, 2004-2005, 2006-2007
Semifinalista: 2017-2018
Finalista: 2015
Finalista: 2009
Finalista: 2011

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (AR) محمــد بن راشد يأمر بدمج الشبـاب ودبي مع الأهلي في كيان واحد, su البيان, 17 maggio 2017. URL consultato il 4 settembre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio