Agathaumas sylvestris

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Agathaumas sylvestris
Stato di conservazione: Fossile
Periodo di fossilizzazione: Cretacico
Agathaumas.jpg
Ricostruzione storica (1897), divenuta obsoleta
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Reptilia
Sottoclasse Diapsida
Infraclasse Archosauromorpha
Superordine Dinosauria
Ordine Ornithischia
Sottordine Marginocephalia
Infraordine Ceratopsia
Famiglia Ceratopsidae
Genere Agathaumas
Cope, 1872
Specie A. sylvestris
Nomenclatura binomiale
Agathaumas sylvestris
Cope, 1872

Agathaumas sylvestris Cope, 1872 è un dinosauro praticamente sconosciuto, ma di grande importanza storica. È infatti uno dei primi dinosauri cornuti (Ceratopsidi) ad essere stato scoperto, nel 1872, nel Wyoming sudoccidentale, da F. B. Meek; il suo nome significa "grande meraviglia". In realtà l'autore del ritrovamento, Edward Drinker Cope, pensava che l'Agathaumas, noto solo per alcune grandi ossa della colonna vertebrale rinvenute in strati del Cretacico superiore (Maastrichtiano, tra 70,6 e 66,043 milioni di anni fa) degli Stati Uniti, fosse un dinosauro a becco d'anatra particolarmente robusto. Solo con la scoperta del ben noto Triceratops da parte di Othniel Charles Marsh, avvenuta nel 1889, fu chiara l'appartenenza di queste ossa. Agathaumas, comunque, rimane un nomen dubium, anche se è chiara la sua classificazione come ceratopside.[1]

Attualmente si sa relativamente poco su questa specie, perché gli unici fossili trovati appartengono alla parte posteriore del dinosauro, gambe comprese.

Raffigurazione delle ossa fossili di Agathaumas

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Dinosauri nella cultura di massa § Agathaumas.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Agathaumas sylvestris, in Fossilworks. URL consultato il 2 ottobre 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]