Agapornis personatus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Inseparabile mascherato
Agapornis personata.jpg
Agapornis personatus
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Psittaciformes
Famiglia Psittacidae
Genere Agapornis
Specie A. personatus
Nomenclatura binomiale
Agapornis personatus
Reichenow, 1887
Sinonimi

Agapornis personata

Areale

Masked lovebird distribution2.gif

L'inseparabile mascherato (Agapornis personatus Reichenow, 1887) è un uccello appartenente alla famiglia Psittacidae, originario della Tanzania, ma introdotto anche in Burundi e Kenya.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La colorazione base è verde, testa e faccia sono bruno nere, sottogola e gola sono rosso-arancio: sul petto è evidente un collare giallo vivo che si chiude dietro il collo e sfuma sul dorso. Il codione è blu intenso, la coda è verde scuro con una piccola banda gialla sui lati; le ali sono verde metallico con sfumature grigio nere sulle penne primarie. È evidente un anello perioftalmico nudo e bianco; la cera, di colore pure bianco spicca sul becco rosso vivo. L'iride è marrone e le zampe grigio-chiare. I giovani hanno colori spenti in confronto agli adulti ed il loro becco è arancio-rosa. Maschio e femmina si presentano identici.

Biologia alimentari[modifica | modifica wikitesto]

La loro dieta consiste prevalentemente in semi, frutta fresca e vegetali. La frutta migliore per loro è quella di colore verde o giallo.

Allevamento[modifica | modifica wikitesto]

Agapornis personatus personatus,mutazione blu

Devono essere tenuti in una gabbia di almeno 60x40 cm oppure, se la gabbia è troppo piccola, si sentono imprigionati. Può essere conveniente lasciare loro dei giocattoli nella gabbia in maniera che non si annoino qualora rimangano da soli. Se tenuti in gabbia da soli diventano dipendenti dal loro padrone, se tenuti insieme ad altri della loro specie tenderanno ad ignorare il padrone rivolgendo la loro attenzione agli altri uccelli.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

L'alimentazione di base degli inseparabili tra cui il l'Agapornis Personatus è composta da una miscela di semi tra cui miglio bianco e rosso, scagliola, cardamo, avena, grano, girasole bianco, girasole, facilmente reperibile in commercio già pronta per l'uso ma a volte molto ricca di girasole che andrebbe ridimensionata con aggiunta di miscela priva di girasole per equilibrare il tutto. Questa alimentazione quotidiana va' giornalmente integrata con frutta fresca quale mele, ciliegie (togliere i semi alle mele e picciolo alle ciliegie perché contengono cianuro) fragole, pere e verdura come cicoria, carote, cetrioli, finocchi, cavoli, foglie di verza per il necessario apporto vitaminico. Molto gradite sono anche le pannocchie di mais immature, erbe prative come centocchio, tarasacco, bacche di Piracanta, (di cui vanno molto ghiotti), che hanno molte proprietà essendo ricche di vitamine ed anche cipolle aglio misto al pastoncino a frutta a pezzetti; vi sembrerà strano, ma fanno bene per la circolazione, inoltre, peperoncino piccante in inverno, frutta secca come mandorle, pinoli, noci, questi ultimi con moderazione perché molto grassi una volta a settimana in piccole quantità anche se ricchi di vitamina e più l'alimentazione è varia e meglio staranno.

Pulizia ed igiene[modifica | modifica wikitesto]

Per una corretta igiene potremo sistemare delle griglie sul fondo della gabbia, altrimenti una lettiera di sabbia a grani grossi (lettiera per gatti) da sostituirsi periodicamente ogni 10-15 giorni o, meglio ancora, del tutolo di mais possibilmente non aromatizzato: le feci di tutti gli agapornidi non sono particolarmente voluminose (come per il resto dei granivori)

Vita in cattività[modifica | modifica wikitesto]

L'A. personata è oggi molto diffuso, disponibile per molti anni solo nella colorazione del selvatico (vedi descrizione) è attualmente disponibile in molti colori bellissimi. Robusto e frugale si adatta sia alle gabbie tenute in casa, sia alle voliere da giardino dove, con adeguata protezione, può trascorrere l'inverno all'aperto; è una specie che rivela modelli comportamentali diversi, infatti quasi sempre vive in colonie folte e mostra un alto grado di socialità, ma vi sono coppie che si mostrano territoriali e, a volte, aggressive, preferendo vita appartata. L'inseparabile mascherato convive bene con altri inseparabili di diversa specie, (soprattutto con A. fischeri e A. lillianae) ed anche con ondulati, gropponi e ninfici; non possono vivere, invece, con appartenenti al genere neophema.

Tutti gli inseparabili, tranne il faccia rosa (A.Roseicollis declassato nel novembre 2005), sono citati nell'allegato B del trattato di Washington stipulato a protezione degli organismi viventi della Terra: devono, quindi, essere muniti dell'anello regolare ed inamovibile F.O.I. che attesta la nascita in allevamento o, nel caso di soggetto sprovvisto, di regolare documentazione CITES, ma in realtà tali documenti non sono più erogati, giacché tutti gli inseparabili maggiormente diffusi sono prodotto d'allevamento e non prelievi dell'Africa.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

La femmina si procura rami di salice per preparare il nido; ultimata la preparazione depone da 2 a 9 uova (media 4-5) e le cova, aiutata dal compagno, per 23 giorni; i piccoli balzano fuori dopo 45 giorni di vita; ciò nonostante rimangono con i genitori per venticinque giorni, trascorsi i quali sono autosufficienti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) BirdLife International, 2012, Agapornis personatus su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2015.2, IUCN, 2015. URL consultato il 9 gennaio 2015.
  2. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Psittacidae in IOC World Bird Names (ver 5.1), International Ornithologists’ Union, 2015. URL consultato il 9 gennaio 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]