Salix babylonica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Come leggere il tassoboxProgetto:Forme di vita/Come leggere il tassobox
Come leggere il tassobox
Salice piangente
Salice Piangente (182751723).jpeg
Salix babylonica
Classificazione APG IV
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Mesangiosperme
(clade) Eudicotiledoni
(clade) Eudicotiledoni centrali
(clade) Superrosidi
(clade) Rosidi
(clade) Eurosidi
(clade) COM
Ordine Malpighiales
Famiglia Salicaceae
Genere Salix
Specie S. babylonica
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Salicales
Famiglia Salicaceae
Genere Salix
Specie S. babylonica
Nomenclatura binomiale
Salix babylonica
L., 1753
Nomi comuni

Salice piangente

Il salice piangente (Salix babylonica L.) è un albero della famiglia delle Salicaee, originario della Cina e della Corea[1]. È uno dei salici maggiormente utilizzati come pianta ornamentale.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il salice piangente è un albero deciduo che raggiunge normalmente l'altezza di 10–15 m (può arrivare a 25), i rami sono penduli e sottili, caratteristica esaltata nelle varietà ornamentali. L'albero assume così un portamento particolare, riverso in basso.[senza fonte]

Le foglie sono disposte a spirale, di colore verde chiaro, strette e lunghe (0,5-2 x 4–16 cm), appuntite, con margini finemente seghettati. In autunno, prima di cadere, diventano giallo dorato.

Amento di Salix babylonica

I fiori, come in tutti i salici, sono riuniti in amenti, che appaiono precocemente in primavera. Gli amenti maschili e femminili compaiono su alberi distinti (pianta dioica).

I frutti sono capsule, con molti piccoli semi provvisti ciascuno di un ciuffo di peli bianchi e setosi.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

In natura, Salix babylonica è limitato alle regioni temperate della Cina e della Corea[1].

Già in tempi remoti si diffuse l'uso di questo salice per scopi ornamentali, prima in Cina e poi, seguendo la via della seta, verso occidente.

Varietà e ibridi[modifica | modifica wikitesto]

Sono note le seguenti forme[1]:

  • Salix babylonica f. babylonica
  • Salix babylonica f. annularis (J.Forbes) Asch.
  • Salix babylonica f. pendula (C.K.Schneid.) Geerinck
  • Salix babylonica f. rokkaku Kimura
  • Salix babylonica f. tortuosa Y.L.Chou
  • Salix babylonica f. umbraculifera (Rehder) Geerinck

Per scopo ornamentale, sono inoltre molto usati gli ibridi con Salix alba (denominato Salix × sepulcralis) e con Salix × fragilis (denominato Salix × pendulina).

La varietà ornamentale attualmente più diffusa in Europa è Salix × sepulcralis 'Chrysocoma', indicata anche come Salix × chrysocoma.[senza fonte]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Salix babylonica, su Plants of the World Online, Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 19/12/2022.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica