Adolfo Dusi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Adolfo Dusi
Adolfo Dusi.JPG
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore-centrocampista)
Carriera
Squadre di club1
1926-1927 Officine Meccaniche ? (?)
1927-1928 US Milanese ? (?)
1928-1930 Codogno ? (?)
1930-1934 Pro Patria 96 (9)
1934-1935 Genova 1893 24 (0)
1935-1936 Siena 33 (2)
1936-1938 Messina 41 (8)
1938-1939 Piacenza 25 (1)
1939-1942 Pirelli 50 (4)
1945-1946 Olubra ? (?)[1]
Carriera da allenatore
1945-1946Olubra
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Adolfo Dusi (Milano, 8 ottobre 19081984) è stato un allenatore di calcio e calciatore italiano, di ruolo mediano e mezzala.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò la carriera agonistica al G.S. Officine Meccaniche di Milano, prima di passare nella stagione 1927-1928 all'US Milanese, dove ottenne il terzo posto del girone B della Prima Divisione.

Dopo la fusione della Milanese con l'Inter[2], passa al Codogno e nel 1930 viene ingaggiato dalla Pro Patria, militante nella massima serie[3]. Con la formazione bustocca diventa subito titolare nel ruolo di centromediano[3], esordendo in Serie A nel derby vinto contro il Legnano[3]. Rimane a Busto Arsizio per quattro stagioni, (tre di Serie A e una di Serie B), alternandosi nei ruoli di mediano, centromediano e mezzala[4].

Nel 1934 passa al Genova 1893, retrocesso per la prima volta nella sua storia in Serie B. Con i Grifoni riconquista immediatamente la massima serie, tuttavia non viene riconfermato e si trasferisce al Siena per una ulteriore stagione nella serie cadetta. Nel 1936 viene ceduto al Messina[5], dove stabilisce il proprio record stagionale di marcature (6) giocando come centromediano. Nella stagione successiva è invece poco utilizzato (8 presenze e 2 reti)[6], e a fine anno scende di categoria per giocare nella Piacenza Sportiva, in Serie C[7].

Dopo una sola stagione in Emilia passa al Gruppo Sportivo Pirelli[8], sempre in Serie C. Vi rimane per tre stagioni (l'ultima da capitano[9]) prima che un grave infortunio lo costringa ad abbandonare l'attività.

Dopo il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Rimane nell'orbita del gruppo Pirelli lavorandovi come operaio, e allena l'Olubra di Castel San Giovanni nel campionato di Serie C 1945-1946[10]. Il suo nome ritorna alla ribalta quando nell'estate del 1956 viene coinvolto nei fatti riguardanti la partita Genoa-SPAL[11].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Genova 1893: 1934-1935

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Liste di trasferimento Il Corriere dello Sport, 28 agosto 1946
  2. ^ Comunicazioni ufficiali, Il Littoriale, 9 ottobre 1928, pag.4
  3. ^ a b c Stagione 1930-1931 bustocco.it
  4. ^ Stagione 1931-1932 bustocco.it
  5. ^ Stagione 1936/37 messinastory.it
  6. ^ Stagione 1937/38 messinastory.it
  7. ^ Rosa 1938-1939 storiapiacenza1919.it
  8. ^ Agendina del Calcio Barlassina 1939-1940, pag.115
  9. ^ Agendina del Calcio Barlassina 1941-1942, pag.128
  10. ^ Piacenza Sportiva-Olubra 5 a 1, Libertà, 18 settembre 1945, pag.1
  11. ^ Gaggiotti si è interessato della partita con il Piombino, Stampa Sera, 3 agosto 1956, pag.4

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Davide Rota, Dizionario illustrato dei giocatori genoani, De Ferrari, 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]