Adelchi (spettacolo teatrale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Adelchi (Carmelo Bene))
Jump to navigation Jump to search
Adelchi
Opera teatrale
Carmelo Bene Adelchi.png
AutoreCarmelo Bene
Titolo originaleAdelchi
Lingua originaleItaliano
Genere[1]
Composto nel1984
Prima assoluta23 febbraio 1984
Teatro Lirico, Milano
Personaggi
 

L'Adelchi è uno spettacolo teatrale del 1984, riedito nel 1997, diretto e interpretato[2] da Carmelo Bene, tratto dall'omonima tragedia di Alessandro Manzoni.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Teatro:

  • 1984 - L'Adelchi di Alessandro Manzoni (in forma di concerto), uno studio di Carmelo Bene e Giuseppe Di Leva. Nel bicentenario della nascita di Alessandro Manzoni. Con Anna Perino. Musiche di Gaetano Giani Luporini. Direttore d'orchestra: E. Collina. Orchestra e coro della RAI di Milano. Percussioni dal vivo: Antonio Striano. Milano, Teatro Lirico (23 febbraio 1984).
  • 1997 - Adelchi di Manzoni, spettacolo in forma di concerto (II edizione). In memoria di Antonio Striano. Con Elisabetta Pozzi. Musiche di Gaetano Giani Luporini. Costumi: L. Viglietti. Roma, Teatro Quirino (8 ottobre 1997).

Televisione:

  • 1984 – L'Adelchi di Alessandro Manzoni (in forma di concerto); da uno studio di C. B. e Giuseppe Di Leva L'Adelchi o la volgarità del politico; regia e interprete principale C. B.; regia televisiva Carlo Battistoni; musiche Gaetano Giani Luporini; altri interpreti: Ermengarda – Anna Perino; percussioni live Antonio Striano; registrato al Teatro Lirico di Milano 1984; trasmesso il 9/9/1985, Rai 2.

Discografia:

  • 1984 – L'Adelchi di Alessandro Manzoni; uno studio di Carmelo Bene e Giuseppe Di Leva; musiche di Gaetano Giani Luporini, orchestra sinfonica e coro di Milano della Rai; Direttore E. Collina, maestro del coro M. Balderi; voce principale C. B.; Ermengarda: A. Perino; percussioni Antonio Striano; registrato in occasione delle recite al Teatro Lirico di Milano febbraio – marzo 1984; produzione a cura di A, Pischedda; regia del mixaggio C. B.; tecnici del suono L. Cavallarin, G. Jametti; Fonit-Cetra.

Radio:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ In realtà il genere, per quanto concerne le opere beniane, è difficile da determinare. Carmelo Bene definisce a volte la sua arte (teatrale, filmica, letteraria, ...) "degenere".
  2. ^ Bisogna valutare il fatto che Bene considera le sue versioni non rivisitazioni o reinterpretazioni di un testo, ma una restituzione del così definito da Klossowski "significato metafisico del teatro". Vita di Carmelo Bene, op. cit., pag. 331

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

L'Adelchi o la volgarità del politico (Con G. Di Leva), Longanesi, Milano, 1984.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Teatro Portale Teatro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Teatro