Giancarlo Dotto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giancarlo Dotto (Valdagno, 1º giugno 1952) è un giornalista, scrittore e autore teatrale italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Per molti anni è stato assistente alla regia e collaboratore artistico di Carmelo Bene[1], celebre uomo di teatro italiano, con cui ha scritto appunto Vita di Carmelo Bene. Ha collaborato alla stesura di Chi mi credo di essere e Che sarà mai di Maurizio Costanzo (Edizioni Mondadori 2005) e di Una bellissima ragazza di Ornella Vanoni.

Come giornalista ha scritto per La Stampa, Il Messaggero, Il Foglio, Gioia, Panorama, Diva & Donna, Max (periodico), Sette e L'Espresso, per cui ha condotto diverse inchieste, tra cui una sulla prostituzione giovanile in Brasile e nell'Europa dell'Est

Per la televisione (gruppo Mediaset) è stato opinionista delle trasmissioni Controcampo, Buona Domenica e La fattoria, ha partecipato nel ruolo di giornalista a Verissimo, Matrix, La versione di Banfi.

È stato ospite di varie trasmissioni televisive nazionali, sportive e non, tra le altre Tiki Taka e La Domenica Sportiva, Matrix, Atlantide, Otto e mezzo, Omnibus.[2][3]

Per la Tivù di San Marino ha curato rassegne sul cinema d'autore, italiano e americano. Ha condotto inoltre la trasmissione "Indovina chi viene a cena", regista Valentino Tocco

Grande esperto del mondo delle televisioni locali durante il cosiddetto Far West televisivo ha scritto, insieme a Sandro Piccinini, il libro Il mucchio selvaggio - La strabiliante, epica, inverosimile ma vera storia della televisione locale in Italia[4], edito da Arnoldo Mondadori Editore. Sempre per la Mondadori ha pubblicato "La squadra perfetta", l'epopea del grande Milan di Arrigo Sacchi. Per Rizzoli ha pubblicato il romanzo "Anime Pezzenti" e "Nate Libere", raccolta delle sue più belle interviste al femminile. Con Sebino Nela ha scritto "Il vento in faccia", autobiografia di un calciatore non comune (Ed. Mondadori Piemme). Con l'immunologo Francesco Le Foche ha scritto "Sì, andrà tutto bene" (Ed. Mondadori Piemme). Per l'editore Tullio Pironti ha pubblicato il romanzo "Sono apparso alla mia donna", "Elogio della malafemmina", "Elogio di Carmelo Bene".

Col

Note[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Giancarlo Dotto, Il principe dell'assenza (Carmelo Bene), Giusti, Firenze, 1981.
  • Giancarlo Dotto, Zidane, Gremese Editore, 2000.
  • Giancarlo Dotto – Carmelo Bene, Vita di Carmelo Bene, Bompiani, Milano, 1ª ed. 1998 (ried. successive 2002, 2005).
  • Giancarlo Dotto – Piccinini Sandro, Il mucchio selvaggio. La strabiliante, epica, inverosimile ma vera storia della televisione locale in Italia, Mondadori, 2006
  • Giancarlo Dotto, La squadra perfetta. Perché il Milan allenato da Sacchi ha giocato il miglior calcio della storia, Mondadori, 2008.
  • Giancarlo Dotto, Elogio della malafemmina, Pironti, 2008.
  • Giancarlo Dotto, Elogio di Helenio Herrera, Pironti, 2010.
  • Giancarlo Dotto, "Elogio di Carmelo Bene", Pironti, 2012
  • Maurizio Costanzo, Chi mi credo di essere, con Giancarlo Dotto, Mondadori, 2004.
  • Ornella Vanoni, "Una bellissima ragazza", con Giancarlo Dotto, Mondadori, 2011
  • Giancarlo Dotto, NATE LIBERE, L'amore, il vento, la luna e la follia nel racconto di 27 dee del nostro tempo, RIZZOLI, 2020

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN102667420 · ISNI (EN0000 0000 7838 878X · LCCN (ENn82142003 · BNF (FRcb13617692n (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n82142003