Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Četyrëchstolbovoj

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Isola Četyrëchstolbovoj
Остров Четырёхстолбовой
Medvezhy.PNG
Geografia fisica
LocalizzazioneMare della Siberia orientale
Coordinate70°38′30.37″N 162°23′59.65″E / 70.641769°N 162.399903°E70.641769; 162.399903Coordinate: 70°38′30.37″N 162°23′59.65″E / 70.641769°N 162.399903°E70.641769; 162.399903
Dimensioni9,5 × 2,5 km
Altitudine massima94 m s.l.m.
Geografia politica
StatoRussia Russia
Repubblica autonomadi Sacha-Jacuzia
Ulusdi Nižnekolymskij
Demografia
Abitanti0
Cartografia
Mappa di localizzazione: Distretto Federale dell'Estremo Oriente
Isola Četyrëchstolbovoj
Isola Četyrëchstolbovoj
voci di isole della Russia presenti su Wikipedia

L'isola Četyrëchstolbovoj o isola delle quattro colonne (in russo: остров Четырёхстолбовой, ostrov Četyrëchstolbovoj) è una delle isole Medvež’i, un gruppo di 6 isole nel mare della Siberia orientale, Russia. Amministrativamente appartiene al Nižnekolymskij ulus della Repubblica autonoma di Sacha-Jacuzia.

Geografia, flora e fauna[modifica | modifica wikitesto]

L'isola è la più orientale del gruppo delle Medvež'i, si trova 116 km a nord della foce del fiume Kolyma e 21 km a sud-ovest dell'isola Leont’eva; è la terza isola del gruppo, in ordine di grandezza. Četyrëchstolbovoj ha una forma allungata con 9,5 km di lunghezza e 2,5 km di larghezza, l'altezza massima è di 94 m. La costa settentrionale è ripida, mentre quella meridionale, dove c'è una baia, è più bassa.

L'isola deve il suo nome a dei pilastri naturali di oltre 15 metri che vengono chiamati Kigikjachi (Кигиляхи)[1]. Le colonne si sono formate con l'erosione delle rocce, per lo più granito, per l'influenza delle temperature estreme e degli agenti atmosferici[2]. Questo processo si evolve in modo veloce: nel 1935, il geologo sovietico Sergej Obručev rilevò sull'isola solo tre pilastri e non c'erano tracce del quarto[2]; a metà degli anni 1980, una spedizione geologica annotò in un rapporto che c'erano solo due colonne e un piccolo resto, le tracce del terzo. Secondo uno studio del 1995, infine, sull'isola vi era un solo Kigilyakh tutto intero e il secondo, a giudicare da ampie fessure, fra qualche anno non ci sarà più[2].

Sull'isola c'è la tipica vegetazione della regione: muschio, lichene ed erba bassa. Sono presenti l'orso polare, il cervo, il lupo, la volpe e piccoli roditori[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Come per le altre isole del gruppo, il primo europeo a registrarne e segnalarne l'esistenza fu l'esploratore cosacco Jakov Permjakov nel 1710. Nel 1769 i sottufficiali Ivan Leont'ev, Ivan Lysov e Aleksej Puškarëv che arrivarono alle Medvež'i su slitte trainate da cani, fecero una mappa abbastanza precisa delle isole; è con i loro nomi che sono state battezzate alcune delle isole[3].

A est dell'isola c'è una stazione polare, inaugurata nel 1933[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (RU) Медвежьи острова
  2. ^ a b c (RU) КИГИЛЯХИ ЯКУТИИ
  3. ^ Магидович В. И., Магидович И. П. Очерки по истории географических открытий. т. 3. М., 1984.
  4. ^ (RU) История полярных арктических станций с 30-х годов XX века

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Mappa nautica dell'isola: R-57,58 (1987)