Krestovskij (isole Medvež'i)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Isola Krestovskij
Остров Крестовский
Medvezhy.PNG
Geografia fisica
LocalizzazioneMare della Siberia orientale
Coordinate70°51′10.99″N 160°37′40.44″E / 70.853053°N 160.6279°E70.853053; 160.6279Coordinate: 70°51′10.99″N 160°37′40.44″E / 70.853053°N 160.6279°E70.853053; 160.6279
Dimensioni16 × 9 km
Geografia politica
StatoRussia Russia
Circondario federaleEstremo Oriente
Repubblica autonomaSacha-Jacuzia Sacha-Jacuzia
Ulusdi Nižnekolymskij
Demografia
Abitanti0
Cartografia
Mappa di localizzazione: Circondario federale dell'Estremo Oriente
Isola Krestovskij
Isola Krestovskij
voci di isole della Russia presenti su Wikipedia

L'isola Krestovskij (in russo: остров Крестовский?, ostrov Krestovskij) è una delle isole Medvež'i, un gruppo di 6 isole nel mare della Siberia orientale, Russia. Amministrativamente appartiene al Nižnekolymskij ulus della Repubblica autonoma di Sacha-Jacuzia.

Geografia, flora e fauna[modifica | modifica wikitesto]

L'isola è situata a 30 km a nord-est del continente, separata dallo stretto di Kolyma, 130 km a nord-ovest della foce del fiume Kolyma; è l'isola maggiore e la più occidentale del gruppo. Krestovskij ha una forma allungata di circa 16 km, più sottile a nord dove ha una larghezza di 1,5 km, e più larga a sud dove misura 9 km. La punta a nord si piega verso ovest formando la baia di Pioner (baia del pioniere). Le coste nord-orientali sono ripide e rocciose e basse a ovest; nella parte centro meridionale il monte Šapka (гора Шапка), alto 273 m, è il punto più alto dell'isola. A nord, su di una collina alta 63 m si trova un faro.

Sulla costa nord-ovest crescono larici, abeti e pioppi, l'isola è coperta da muschio ed erba bassa.

Oltre ad essere un luogo di riproduzione e rifugio dell'orso polare, sono presenti cervi, lupi, volpi e piccoli roditori[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Medvyezhi map.png

Il primo a visitare l'isola Krestovskij, nel 1970, fu Dmitrij Jakovlevič Laptev che la chiamò San Antonio. Nel 1769 i sottufficiali Ivan Leont'ev, Ivan Lysov e Aleksej Puškarëv che andarono dall'Indigirka alle isole Medvež'i su slitte trainate da cani, fecero le prime mappe dell'isola[2].

Nel 1763, il sergente Andreev trovò sull'isola tracce di insediamenti umani[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (RU) Медвежьи острова
  2. ^ Магидович В. И., Магидович И. П. Очерки по истории географических открытий. т. 3. М., 1984.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]