Zoisite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Zoisite
Zoïsite.jpg
Classificazione Strunz VIII/C.23-100
Formula chimica Ca2Al3(SiO4)3(OH) = Ca2AlAl2(SiO4)(Si2O7)O(OH)
Proprietà cristallografiche
Gruppo cristallino  
Sistema cristallino   Rombico
Classe di simmetria  
Parametri di cella  
Gruppo puntuale 2/m 2/m 2/m
Gruppo spaziale Pnmc
Proprietà fisiche
Densità 3,3

  g/cm³

Durezza (Mohs) 6
Sfaldatura  
Frattura  
Colore  
Lucentezza  
Opacità  
Striscio  
Diffusione  
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce - Minerale

La zoisite è un minerale il cui nome deriva dallo studioso sloveno Sigmund Zois, che per primo lo identificò.

Morfologia[modifica | modifica sorgente]

In cristalli non ben delineati, in aggregati cristallini anche bacillari, in cristalli appiattiti. Spesso ingloba dei rubini. Proprio per la forte differenza tra i due minerali, è di difficile levigatura.

Origine e giacitura[modifica | modifica sorgente]

È presente soprattutto in Tanzania.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

mineralogia Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia