Birifrangenza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Birifrangenza in un cristallo di calcite
Un cristallo di calcite visto attraverso un filtro polarizzatore

La birifrangenza è un fenomeno fisico che consiste nella scomposizione di un raggio di luce in due raggi e che avviene quando esso attraversa particolari mezzi anisotropi, a seconda della polarizzazione della luce.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Il materiale, ad esempio la calcite, a causa della sua struttura cristallina, presenta indici di rifrazione differenti nelle diverse direzioni di propagazione dei raggi luminosi e della direzione di vibrazione del campo elettrico.

Per uno dei due raggi uscenti vale la legge di Snell: per questo viene chiamato ordinario; l'altro raggio, per cui essa non vale, viene chiamato straordinario. I due raggi uscenti risultano polarizzati linearmente e ortogonalmente l'uno all'altro, indipendentemente dalla polarizzazione del raggio di luce incidente. L'intensità dei due raggi segue la legge di Malus. La birifrangenza è utilizzata per la polarizzazione della luce, ad esempio nel prisma di Nicol. Materiali birifrangenti sono per esempio la moissanite e la calcite.

La birifrangenza ha avuto un ruolo importante nella nascita delle prime idee ondulatorie sulla luce; è infatti proprio per spiegare questo fenomeno che Christiaan Huygens propose la sua teoria ondulatoria della luce nel Traité de la Lumière (1690).

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

fisica Portale Fisica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fisica