Zinovij Petrovič Rožestvenskij

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Zinovij Petrovič Rožestvenskij
Zinovi Petrovich Rozhestvenski.jpg
Soprannome Cane Pazzo
Nato San Pietroburgo
11 novembre 1848
Morto San Pietroburgo
14 gennaio 1909 (60 anni)
Dati militari
Forza armata Naval Ensign of Russia.svg Marina Imperiale Russa
Grado Flag of Russia.svg
Ammiraglio
Адмирал
Guerre Guerra russo-turca
Guerra russo-giapponese

[senza fonte]

voci di militari presenti su Wikipedia

Zinovij Petrovič Rožestvenskij, in russo: Зиновий Петрович Рожественский[?], (San Pietroburgo, 11 novembre 1848San Pietroburgo, 14 gennaio 1909), è stato un ammiraglio russo della Marina Imperiale Russa[1].

È passato alla storia per aver comandato la squadra russa nella battaglia di Tsushima nel corso della guerra russo-giapponese.

Proveniente da una famiglia della piccola nobiltà (il padre era ufficiale medico) si diplomò all'Accademia navale, divenendo esperto d'artiglieria navale partecipò nel 1877 alla guerra russo-turca. Nel 1883 venne inviato in Bulgaria nazione da poco indipendente con l'incarico di organizzarvi la marina militare.

In quest'incarico Rožestvenskij diede prova di abnegazione ed efficienza, ma una rottura fra la Russia di Alessandro III ed il principe Alessandro I di Bulgaria portò al richiamo in patria degli ufficiali russi in servizio in Bulgaria.

Successivamente ad un incarico in Estremo Oriente, nel 1892 Rožestvenskij venne nominato addetto navale a Londra, nel 1894 venne nominato comandante dell'incrociatore "Vladimir Monomach" che condusse in Estremo Oriente in occasione della crisi determinata dalla guerra sino-giapponese. Nel dicembre del 1898 venne promosso contrammiraglio.

Nel luglio del 1902 Rožestvenskij si distinse in occasione di un'esercitazione navale alla presenza dello Zar e del Kaiser e si guadagnò il favore di Nicola II di Russia. Infine nel 1903 Rožestvenskij venne nominato capo di Stato Maggiore della Marina[2].

La guerra russo-giapponese e la battaglia di Tsushima[modifica | modifica sorgente]

La carriera di Rožestvenskij fino al 1904 non aveva visto avvenimenti eccezionali. Come ufficiale aveva partecipato ad una sola campagna, la guerra russo-turca né aveva compiuto imprese spettacolari. Si era tenuto lontano dalla corruzione ed aveva sempre mostrato un'abnegazione ed un impegno rari nella Marina Imperiale Russa dell'epoca.

Fu la guerra russo-giapponese a portare Rožestvenskij a fama mondiale. La piega nettamente sfavorevole per la Russia delle operazioni militari, con il conseguente assedio e blocco navale di Port Arthur condussero l'alto comando russo ad invare dal Baltico una squadra navale per sbloccare Port Arthur. Tale squadra venne denominata (alquanto prematuramente, in quanto le unità della costituenda formazione erano nel Baltico) Seconda Squadra del Pacifico.

Si trattava in realtà di un complesso di unità eterogenee: accanto a navi da battaglia di recente costruzione si trovavano unità piuttosto in cattivo stato, né l'addestramento degli equipaggi né la preparazione degli ufficiali erano paragonabili allo standard dei giapponesi. Al di là dell'addestramento al combattimento, il compito non si presentava facile.

La squadra avrebbe dovuto navigare su tre oceani, senza la sicurezza di un approdo per rifornirsi di carbone. Delle grandi potenze la Gran Bretagna, segretamente legata al Giappone, avrebbe osservato una rigida neutralità, la Francia e la Germania sarebbero state più favorevoli, ma non avrebbero potuto spingere oltre un certo limite la loro benevolenza. La flotta salpò nell'ottobre del 1904 da Libau e dopo pochi giorni la navigazione venne funestata dall'incidente del Dogger Bank (detto anche "Incidente di Hull") allorché la squadra, temendo un attacco insidioso di torpediniere giapponesi aprì il fuoco su pescherecci britannici[3]. Questo incidente complicò viepiù i rapporti con la Gran Bretagna.

Quindi la squadra si divise in due: una divisione avrebbe circumnavigato l'Africa lungo la rotta del Capo, l'altra avrebbe attraversato il canale di Suez, entrambe le formazioni si riunirono a Nosy Be in Madagascar nel gennaio del 1905 quando ormai Port Arthur era caduta. Era venuta meno la ragione strategica dell'impresa, ma da San Pietroburgo si ordinò di proseguire fino a Vladivostok.

Quindi la squadra salpò dal Madagascar e traversò l'Oceano Indiano, traversò lo stretto di Malacca e raggiunse la baia di Cam Ranh nell'Indocina francese. Lì peraltro Rožestvenskij dovette attendere una squadra di rinforzo, costituita da navi vecchie al comando del contrammiraglio Nebogatov. Infine nel maggio 1905 salpò per Vladivostok.

Impresa difficile: avrebbero navigato vicinissimi alla basi nemiche in Giappone e Corea, ed i giapponesi disponevano di equipaggi meglio addestrati e più riposati. La formazione fu avvistata in navigazione nello stretto di Tsushima e subito affrontata dalla squadra agli ordini dell'ammiraglio Tōgō Heihachirō. La battaglia fu aspra e vide la netta vittoria giapponese. Rožestvenskij, ferito ed in stato d'incoscienza, venne trasbordato dalla nave di bandiera su di una torpediniera e quindi su di un'altra che si arrese ai giapponesi.

Rimpatriato a conclusione delle ostilità, venne sottoposto a Corte Marziale ma assolto da ogni accusa. Al di là della netta sconfitta patita a Tsushima, il viaggio attraverso tre oceani della Seconda Squadra del Pacifico si può considerare una delle più grandi imprese navali.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere di IV Classe dell'Ordine Imperiale di San Giorgio - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di IV Classe dell'Ordine Imperiale di San Giorgio
Cavaliere di IV Classe dell'Ordine di San Vladimiro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di IV Classe dell'Ordine di San Vladimiro
Cavaliere di III Classe dell'Ordine di San Vladimiro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di III Classe dell'Ordine di San Vladimiro
Cavaliere di II Classe dell'Ordine di Sant'Anna - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di II Classe dell'Ordine di Sant'Anna
Cavaliere di I Classe dell'Ordine di Sant'Anna - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I Classe dell'Ordine di Sant'Anna
Cavaliere di III Classe dell'Ordine di San Stanislao - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di III Classe dell'Ordine di San Stanislao
Cavaliere di II Classe dell'Ordine di San Stanislao - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di II Classe dell'Ordine di San Stanislao
Cavaliere di I Classe dell'Ordine di San Stanislao - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I Classe dell'Ordine di San Stanislao

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ La data della nascita è il 30 ottobre secondo il calendario giuliano all'epoca vigente in Russia.
  2. ^ Constantine Pleshakov: "L'ultima flotta dello Zar", Milano, Corbaccio, 2008, pagine 57-73)
  3. ^ Constantine Pleshakov: "L'ultima flotta dello Zar", Milano, Corbaccio, 2008, pagine 123-125)

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • "Enciclopedia Universale Rizzoli Larousse", Volume XIII, voce "Rozestvenskij", Milano, Rizzoli, 1970.
  • Hough Richard: "La flotta suicida", Milano, Bompiani, 1959
  • Constantine Pleshakov: "L'ultima flotta dello Zar", Milano, Corbaccio, 2008
  • Alberto Santoni: "La battaglia di Tsushima", Roma, Edizioni dell'Ateneo, 1985
  • Frank Thiess: "Tsushima", Torino, Einaudi, 1977

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]