Bol (Brazza)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Vallo della Brazza)
Bol
comune
(HR) Bol
Bol – Stemma
Bol – Veduta
Localizzazione
Stato Croazia Croazia
Regione HRV Split-Dalmatia County COA.svg Spalatino-dalmata
Amministrazione
Sindaco Tihomir Marinković
Territorio
Coordinate 43°15′N 16°39′E / 43.25°N 16.65°E43.25; 16.65 (Bol)Coordinate: 43°15′N 16°39′E / 43.25°N 16.65°E43.25; 16.65 (Bol)
Altitudine m s.l.m.
Superficie 23 km²
Abitanti 1 661 (2001)
Densità 72,22 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 21420
Prefisso 021
Fuso orario UTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Croazia
Bol
Sito istituzionale

Bol[1] (anche in lingua croata) è la principale località turistica e balneare sull'isola di Brazza, in Croazia.

È una delle località più antiche dell'isola e si trova a sud di essa mentre la sua principale attività economica è il turismo.

È collegata quotidianamente con Spalato per mezzo di aliscafi, e sull'altipiano subito a nord del paese è stato costruito nel 1995 un piccolo aeroporto per mantenere il turismo anche durante la guerra in Jugoslavia.

Il toponimo Bol deriva dal latino "vallum" che sta ad indicare una fortificazione interrata o una trincea. Il termine ha il medesimo significato di quello antico croato "obala" (trincea, argine; oggi nel significato di costa, sponda, riva, spiaggia) e per questo si pensa che il toponimo del paese sia derivato dall'unione dell'appellativo romano "vallum" con quello slavo "obala"[2].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Oltre al porto, Bol ha altre attrazioni turistiche, che lo rendono una località molto visitata, soprattutto in estate.

  • Il Corno d'Oro (Zlatni Rat): è una spiaggia di sassi a forma di corno, molto amata dai bagnanti e da chi pratica windsurf, che si addentra nel mare per circa 300 metri.
  • Il monte San Vito (Vidova Gora): è il monte subito dietro Bol che con i suoi 778 m s.l.m. è il più alto di tutte le isole croate. La cima offre uno stupendo panorama su mezza Dalmazia.
  • La grotta dei Draghi vicino a Murvizza (Murvica), sulle cui pareti sono incisi parecchi disegni e la grande incisione del drago è la più impressionante.
  • Il monastero domenicano e la annessa chiesa gotico-rinascimentale della Madonna della Pietà entrambi del XV sec.
  • Il lapidario dove sono conservate le fondamenta e gli affreschi di una chiesa tardo-antica VII sec.
  • Il mulino a vento del XIX sec.
  • Il castello della famiglia Vusio del XVII/XVIII sec.
  • La chiesa di Santa Lucia del XVIII sec.
  • La casa nella casa del XVIII sec.
  • La chiesa barocca di San Giuseppe del XVIII sec.
  • Palazzo Lode costruito nel XVIII sec. con la loggia del XIX sec.
  • La villa gotica fortificata del XV/XVI sec.
  • La chiesa di San Pietro e Paolo del XVI/XVII sec.
  • La casa borghese costruita nel 1893.
  • La chiesa parrocchiale della Madonna del Carmelo del XVII/XVIII sec.
  • La chiesa di Sant'Antonio (San Bernardino) del XVI sec.
  • La chiesa di San Giovanni e Teodoro del XI sec.
  • La cisterna della villa romana del II/III sec in prossimità del Corno d'Oro.
  • L'edificio della prima cooperativa vinicola dalmata che fu fondata agli inizi del Novecento.
  • Il palazzo rinascimentale-barocco veneziano del XVII sec di fronte al porto dove è ospitata la galleria d'arte contemporanea "Branko Dešković".
La spiaggia del Corno d'Oro (Zlatni Rat) vista dal monte San Vito)


Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Località[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Bol è suddiviso in 2 frazioni (naselja)[3]:

  • Murvizza[4] (Murvica)
  • Bol[1], sede comunale

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Cfr. a p. 249 in Istituto Idrografico della Marina Portolano del Mediterraneo, volume 6, Adriatico Orientale (edizione 1994, nuova tiratura febbraio 2002), Genova. (Pubblicazione annessa alla cartografia ufficiale dello Stato - legge 2 febbraio 1960, n. 68).
  2. ^ Sito dell'ente turistico di Bol
  3. ^ Frazioni della Regione spalatino-dalmata
  4. ^ Dario Alberi, Dalmazia. Storia, arte, cultura, Lint Editoriale, Trebaseleghe (PD) 2008, p. 1221.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]