Comisa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Comisa
comune
Komiža
Comisa – Veduta
Localizzazione
Stato Croazia Croazia
Regione HRV Split-Dalmatia County COA.svg Spalatino-dalmata
Amministrazione
Sindaco Tonka Ivčević
Territorio
Coordinate 43°02′N 16°06′E / 43.033333°N 16.1°E43.033333; 16.1 (Comisa)Coordinate: 43°02′N 16°06′E / 43.033333°N 16.1°E43.033333; 16.1 (Comisa)
Altitudine m s.l.m.
Superficie 48,00 km²
Abitanti 1 509 (31-03-2011, Censimento 2011)
Densità 31,44 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 21485
Prefisso (+385) 021
Fuso orario UTC+1
Targa ST
Cartografia
Mappa di localizzazione: Croazia
Comisa
Sito istituzionale

Comisa[1] (in croato Komiža) è un comune della Croazia sull'Isola di Lissa appartenente alla regione spalatino-dalmata. Il Comune, che comprende anche l'arcipelago di Pelagosa, contava 1.509 abitanti secondo il censimento del 2011, ma erano 2.746 nel 1982. Il villaggio di Comisa sorge ai piedi del monte Colmo o San Giorgio (Hum, 585 m.).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Come tutta l'isola di Lissa, Comisa fece parte per lungo tempo della Repubblica di Venezia e quindi, dopo un breve intermezzo napoleonico, dell'Impero austriaco e, dopo la prima guerra mondiale, della Jugoslavia. Durante la seconda guerra mondiale fu un comune della Provincia di Spalato, suddivisione amministrativa del Governatorato della Dalmazia, dipendente dal Regno d'Italia dal 1941 al 1943, per poi ritornare alla Jugoslavia alla fine della guerra, fino alla sua dissoluzione.

Le isole di Pelagosa invece, già parte del Regno delle Due Sicilie, appartennero all'Italia dal 1861 al 1873 sotto la provincia di Foggia, quindi furono soggette all'impero austroungarico fino alla fine della prima guerra mondiale. Passate all'Italia, fecero parte dal 1920 al 1941 della provincia di Zara e dal 1941 al 1943 della provincia di Spalato. Alla fine della seconda guerra mondiale, anch'esse passarono alla Jugoslavia.

Divisione amministrativa[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Comisa è suddiviso in 10 frazioni (naselja)[2] ed isole, di seguito elencate. Tra parentesi il nome in lingua italiana, spesso desueto.

  • Biševo (Busi)
  • Borovik (Borrovich[3])
  • Duboka (Dubocca[4] o Marincovich[4])
  • Komiža (Comisa[5][1])
  • Oključna (Porto Chiave[6])
  • Palagruža (Pelagosa[1])
  • Podhumlje (Piedicolmo[7])
  • Podšpilje (Pospiglie[7])
  • Sveti Andrija (S. Andrea[1])
  • Žena Glava (Zenaglava[6] o Sfilicich/Sena Glava[3])

Economia[modifica | modifica wikitesto]

L'economia comunale si basa essenziale sul turismo, sulle attività del piccolo porto e su alcune fabbriche per la lavorazione del pesce, oltre che sulla pesca.

Luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Il villaggio di Comisa conserva un castello veneziano del 1585 che domina il porto, oltre ad alcune residenze nobiliari e varie chiesette di epoca rinascimentale. Sulla collina accanto all'abitato si trova un antico monastero benedettino, fondato nel XIII secolo, ma rifatto nel XVII secolo. Il complesso è circondato da mura ed una torre di difesa del 1645. Al suo interno l'antica chiesa di San Nicola, patrono del villaggio.

La festa di San Nicola[modifica | modifica wikitesto]

Ogni anno, il 6 dicembre, si festeggia a Comisa San Nicola (Sveti Mikula in croato) , il patrono di viandanti, marinai e pescatori, e davanti alla chiesa parrocchiale dedicata al santo si brucia una nave offerta in sacrificio.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d indicazione bilingue Comisa, Komiža e in nota 1 (Ortsbestandteile ad Gerichtsbezirk Lissa) Pelagosa, Palagruža e S. Andrea, Sv. Andrija nel comune di Lissa, Vis in: Gemeindelexikon, der im Reichsrate Vertretenen Königreiche und Länder. Bearbeit auf Grund der Ergebnisse der Volkszählung vom 31. Dezember 1900. Herausgegeben von der K.K. Statistischen Zentralkommission. XIV. Dalmatien. Wien 1908
  2. ^ Frazioni della Regione spalatino-dalmata
  3. ^ a b Borrovich e Sfilicich/Sena Glava in “Borgo Comisa, in Dalmazia Circolo di Spalato, 1834” – catasto austriaco franceschino
  4. ^ a b Dubocca/Marincovich in “Borgo Comisa, in Dalmazia Circolo di Spalato, 1834” – catasto austriaco franceschino
  5. ^ Mappa di Còmisa in “Borgo Comisa, in Dalmazia Circolo di Spalato, 1834” – catasto austriaco franceschino
  6. ^ a b Porto Chiave e Zenaglava nella mappa zoomabile di : "I. Lissa (Vis)" (1904) - K.u.K. Militärgeographisches Institut - 1:75 000 - ZONE 33 - KOL XIV"
  7. ^ a b Dario Alberi – Dalmazia – Storia, Arte, Cultura, LINT, dicembre 2008
Venezia Giulia e Dalmazia Portale Venezia Giulia e Dalmazia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Venezia Giulia e Dalmazia