Turn und Sportverein Hartberg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
TSV Hartberg
Calcio Football pictogram.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Azzurro e Bianco.svg Azzurro-bianco
Dati societari
Città Wappen Hartberg.jpg Hartberg
Paese Austria Austria
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Austria.svg ÖFB
Campionato Erste Liga
Fondazione 1946
Presidente Austria Karl Pack
Allenatore Austria Bruno Friesenbichler
Stadio Stadion Hartberg
(4.500 posti)
Sito web www.tsv-hartberg-fussball.at
Palmarès
Titoli nazionali 4 Campionati di Regionalliga
Si invita a seguire il modello di voce

Il Turn- und Sportverein Hartberg, abbreviato in TSV Hartberg e noto come TSV Lopocasport Hartberg per motivi di sponsor, è una società polisportiva con sede ad Hartberg, in Austria.

La sezione calcistica milita nella Erste Liga, la seconda serie del campionato austriaco di calcio, dopo la promozione ottenuta vincendo la Regionalliga Mitte nella stagione 2008-2009.

Il club possiede anche una sezione di pallavolo, lo Hartberg Volleyball.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Gli anni nel campionato regionale[modifica | modifica sorgente]

Il club è stato fondato il 29 aprile 1946. Lo statuto prevedeva che sarebbero stati molti gli sport praticati, dal calcio alla pallamano, l'atletica, il nuoto, la danza e gli sport invernali[1]. Per anni prese parte ai tornei regionali della Stiria finché, nel 1978, fu promossa nel massimo campionato regionale, con la denominazione sponsorizzata di TSV Sparkasse Hartberg[1].

Nella stagione 1986-1987 la squadra raggiunse, per la prima volta nella sua storia, i quarti di finale di ÖFB-Cup, dopo aver eliminato negli ottavi il Wiener Sport-Club dell'allenatore-giocatore Hans Krankl (1-0). L'anno seguente, vinse il primo titolo regionale, anche se non fu poi in grado di ottenere la promozione in Regionalliga, sconfitto negli spareggi dal Wolfsberger AC (0-6 e 2-3) e dal Ried (1-0 e 7-3).

Nel 1988-1989 la squadra tornò agli onori della cronaca sportiva nazionale, con la qualificazione ai quarti di finale di coppa dove fu però eliminato dall'Austria Salisburgo ai tiri di rigore (4-5). Nel 1989-1990 conquistò nuovamente il titolo di campione della Stiria, stabilendo anche il record assoluto di punti (53)[1], ma ancora una volta non riesce a superare il girone di qualificazione alla Regionalliga, superato dal Wolfsberger AC (0-2, 2-2) e dal Ried (3-4 e 2-3) esattamente come tre anni prima.

Un nuovo campionato vittorioso arrivò nel 1994-1995. Grazie alla modifica del formato della Regionalliga, questa vittoria significò promozione diretta nella terza divisione. Nella stessa stagione, la squadra ha raggiunto le semifinali di coppa d'Austria, dove è stata sconfitta dal Leoben per 0-1. Nel 1995-1996 il club centrò la seconda promozione consecutiva, vincendo il torneo di Regionalliga Mitte e conquistando per la prima volta la promozione in un campionato professionistico, la 2. Division. 14° al termine del torneo cadetto 1996-1997, nella stagione successiva chiuse all'11º posto ma, a causa della riforma del campionato, fu retrocesso in Regionalliga.

Tra Regionalliga ed Erste Liga[modifica | modifica sorgente]

Nella stagione 1998-1999 l'Hartberg vince il torneo di Regionalliga Mitte, conquistando così il diritto di sfidare il Wattens nello spareggio per la promozione in Erste Liga. La doppia sfida si conclude col successo dei tirolesi, 2-0 e 3-2; il Wattens è promosso nel nuovo torneo cadetto a 10 squadre, l'Hartberg rimane in terza serie.

Dopo il 10º posto del 1999-2000, la formazione stiriana inanella una serie di campionati terminati sempre a ridosso delle prime posizioni: 3° nel 2000-2001 e nel 2001-2002, 2° nei successivi tre tornei. Si arriva così alla stagione 2005-2006, al termine della quale la squadra viene promossa in Erste Liga con tre giornate d'anticipo, vincendo il girone centrale di Regionalliga. Poiché il torneo cadetto cambia format, passando da 10 a 12 squadre, i bianco-azzurri ottengono la promozione diretta. Tuttavia, l'11º posto finale del torneo 2006-2007 condanna l'Hartberg alla retrocessione immediata.

Nel 2007-2008 la squadra termina la stagione al 7º posto, a notevole distanza dal Vöcklabruck campione. Nel 2008-2009 ottiene la promozione vincendo il campionato di Regionalliga Mitte proprio all'ultima giornata, dopo un lungo confronto con il Grazer AK. La stagione successiva si conclude con la salvezza conquistata col 9º posto finale. Nel 2010-2011 migliora la posizione in campionato, con l'8º posto, e raggiunge gli ottavi di finale di ÖFB Cup, superando prima il Seekirchen e poi il Sierning, prima di cedere al Rapid Vienna per 0-3.

Nella stagione 2011-2012 il club stiriano, sotto la guida di Kurt Garger, ha trascorso buona parte della stagione sul fondo della classifica. Un primo cambio di allenatore, con l'innesto di Walter Hörmann, non ha portato i risultati sperati, chiudendo al 10º ed ultimo posto il torneo. La federazione, però, non concede la licenza professionista al LASK Linz e, pertanto, la formazione dell'Alta Austria viene retrocessa in Regionalliga. Questo permette ai bianco-azzurri di disputare lo spareggio contro il Grazer AK. Dopo uno 0-0 nella gara d'andata, giocata nel capoluogo, la squadra arriva a condurre per 3-0 quella di ritorno allo Stadion Hartberg, prima dell'interruzione al minuto 76 per invasione di campo di alcuni tifosi dei Rotjacken[2]. La federazione e la lega hanno omologato il risultato, permettendo al club di disputare anche nella stagione 2012-2013 il campionato di Erste Liga.

Nella stessa stagione l'Hartberg ha raggiunto per la seconda volta nella sua storia le semifinali di ÖFB-Cup, dopo aver eliminato anche i rivali regionali dello Sturm Graz nei quarti. Davanti al Salisburgo, futuro vincitore del double, il cammino verso la finale è stato interrotto, ancora una volta come nel 1995, per il minimo scarto.

Rosa attuale[modifica | modifica sorgente]

Rosa aggiornata al 18 agosto 2014

N. Ruolo Giocatore
6 Austria D Thomas Schönberger
7 Austria C Markus Gschiel
8 Austria C Oliver Pranjic
9 Austria A Günter Friesenbichler
10 Austria C David Sencar
11 Austria A Alexander Fröschl
15 Austria C Lukas Ried
17 Austria D Thomas Löffler
18 Croazia C Roko Mislov
19 Austria D Oliver Grandits
20 Austria A Christoph Kröpfl
N. Ruolo Giocatore
21 Austria P Florian Faist
22 Croazia D Dario Bodrušić
23 Austria C Daniel Gremsl
25 Austria D Siegfried Rasswalder
27 Austria C Dominik Frieser
28 Austria C Jürgen Prutsch
29 Austria P Lukas Waltl
30 Austria D Philipp Haas
31 Austria D Thomas Rotter
39 Austria A Robin Friesenbichler
44 Austria P Lorenz Koller

Rose anni precedenti[modifica | modifica sorgente]

Stadio[modifica | modifica sorgente]

Il club utilizza, per le proprie partite casalinghe, lo Stadion Hartberg, costruito nel 2006[3].

Di proprietà dell'amministrazione comunale, è completato da un centro sportivo polifunzionale, utilizzato non solo per il calcio, ma anche per l'atletica leggera, per concerti ed altri eventi[3].

Ha una capienza di 4.500 spettatori[4], di cui a sedere 650 nella tribuna est e 700 in quella ovest, oltre a sale VIP con servizio ristorante[3].

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

1995-1996, 1998-1999, 2005-2006, 2008-2009

Competizioni regionali[modifica | modifica sorgente]

1987-1988, 1989-1990, 1994-1995

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (DE) Vereinsgeschichte - Highlights aus der Geschichte des TSV Hartberg Fußball, tsv-hartberg-fussball.at. URL consultato il 15 ottobre 2012.
  2. ^ (DE) GAK-Hooligans sorgen für Abbruch in Hartberg, sport.orf.at. URL consultato l'8 giugno 2012.
  3. ^ a b c (DE) Stadion Hartberg, tsv-hartberg-fussball.at. URL consultato il 15 ottobre 2012.
  4. ^ (DE) TSV Lopocasport Hartberg - Detail, bundesliga.at. URL consultato il 15 ottobre 2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Calcio