Tunica vaginale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Tunica vaginale
Gray1148.png
Il testicolo destro, esposto aprendo la tunica vaginale (indicata dalla didascalia in alto a destra).
Gray1084.png
Tipologie di ernia inguinale obliqua.
Anatomia del Gray subject #258 1242
Sviluppo embriologico Processo vaginale
Dorlands/Elsevier Tunica vaginalis testis

La tunica vaginale detta anche vagina propria è un mesotelio che ricopre i testicoli, formando una specie di sacchetto. Essa deriva dal processo vaginale del peritoneo, che nel feto precede la discesa dei testicoli dall'addome nello scroto.

Dopo la sua discesa, questa porzione di sacca, che si estende dall'anello inguinale addominale, si oblitera vicino alla parte superiore del testicolo, mentre la porzione inferiore rimane un sacco a fondo chiuso, che riveste la superficie del testicolo e si riflette nella superficie interna dello scroto.

Lamina viscerale[modifica | modifica wikitesto]

La lamina viscerale ricopre la maggior parte del testicolo e degli epididimi, collegando questi ultimi al testicolo attraverso la convergenza di foglietti distinti. Dal lato posteriore della ghiandola, è riflessa sulla superficie interna dello scroto.

Lamina parietale[modifica | modifica wikitesto]

La lamina parietale è molto più vasta di quella viscerale, estendendosi verso l'alto per un certo tratto davanti e sul lato mediale del funicolo spermatico, raggiungendo verso il basso il testicolo.

La superficie interna della tunica vaginale è liscia e ricoperta da un lato di endotelio cubico semplice. Lo spazio tra la lamina viscerale e quella parietale costituisce la cavità della tunica vaginale.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]