Barriera emato-testicolare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La barriera emato-testicolare è una struttura presente nei tubuli seminiferi formata dalla cellule del Sertoli, costituita da giunzioni occludens per impedire il passaggio di molecole tra il compartimento basale e quello adluminare, condizione necessaria per il normale funzionamento dell'apparato genitale maschile.

Funzioni[modifica | modifica wikitesto]

La sua funzione principale è quella di fornire un barriera ermetica per impedire il reflusso di elementi cellulari immaturi tra le due zone molto diverse tra loro (basale e adluminare). Nella zona basale troviamo spermatogoni e spermatociti primari che proliferano mitoticamente mentre nella zona adluminare troviamo spermatociti secondari o spermatidi che invece hanno iniziato il processo meiotico. Il passaggio dalla fase mitotica a quella meiotica è l'unico momento durante il quale questa barriera permette il flusso in direzione del lume del tubulo seminifero.

Risvolti clinici[modifica | modifica wikitesto]

Una deficienza di questa barriera permetterebbe il reflusso delle proteine delle cellule spermatogenetiche nel flusso sanguigno che sarebbero riconosciute come non-self. Questo porterebbe alla formazione di anticorpi specifici per gli spermatozoi che porterebbe alla sterilità autoimmune.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

"Embriologia" di P. Carinci e M. Barbieri

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina