Spermatogonio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Lo spermatogonio è una cellula giovane, presente alla membrana basale del tubulo seminifero.

Dalla nascita fino alla fase puberale l'individuo presenta al livello della gonade gli spermatogoni A, i quali costituiscono una riserva di cellule seminali con corredo genetico di tipologia diploide non mature ed incapaci di fecondare gli ovociti. Essi, in seguito a stimoli ormonali, vanno incontro a maturazione.

Durante l'attività sessuale del maschio, e per tutta la vita fertile, gli spermatogoni si moltiplicano per mitosi, in modo da costituire una riserva stabile (spermatogoni A). Gli spermatogoni B si dividono per meiosi. Dopo la generazione dei cromatidi fratelli prendono il nome di spermatociti di I ordine, mentre dopo la prima meiosi assumono la denominazione di spermatociti di II ordine. Al termine della seconda divisione meiotica si formano 4 cellule aploidi (gli spermatidi) per ogni spermatogonio B di partenza.

Quindi, alla base del tubulo, si possono distinguere due differenti tipi di spermatogoni, in base alla organizzazione della cromatina: gli spermatogoni seminali, che hanno una elevata percentuale di eterocromatina; quelli invece impegnati nella spermatogenesi sono caratterizzati da una maggiore quantità di eucromatina. Il secondo tipo di spermatogoni deriva dalla proliferazione dei primi, secondo un tipo di programmazione che è tipico di ciascuna specie.