Trattato di Alexandropol

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Trattato di Alexandropol
Firma 2 dicembre 1920
Luogo Alexandropol, Armenia
Condizioni Termine della guerra fra l'Armenia e l'Impero Ottomano
Parti Flag of the Democratic Republic of Armenia.svg Repubblica Democratica di Armenia
bandiera Impero Ottomano
voci di trattati presenti su Wikipedia

Il trattato di Alexandropol (chiamato anche trattato di Gümrü) fu l'accordo tra l'Armenia e l'Impero ottomano col quale si concluse la guerra tra i due Stati, la quale spezzò il sogno della Grande Armenia istituita con il trattato di Sèvres nel 1920.

Antefatto[modifica | modifica wikitesto]

In risposta al trattato di Sèvres, accettato dal sultano ottomano e dal governo legittimo, i nazionalisti turchi si rivoltarono sotto il comando di Mustafa Kemal Atatürk, il quale prese il potere e combatté vittoriosamente contro i greci e gli armeni riuscendo a mantenere il possesso di tutta l'Anatolia e della Tracia orientale, ed a cancellare le zone di influenza di Francia e Italia, trovando l'avallo alle sue conquiste con la Conferenza di Losanna, 1923. Le truppe kemaliste riconquistarono all'Armenia i territori assegnateli dal trattato di Sevres. L'Armenia, la quale ricevette l'aiuto dai britannici installati in Adjaristan, venne contemporaneamente attaccata dall'Azerbaigian, dove da poco erano saliti al potere i bolscevichi. Questi nel giugno del 1920 la costrinsero a firmare una tregua, accettata di buon grado al fine di impiegare le forze sul fronte turco. Nel mese di luglio i turchi appoggiarono la presa del potere da parte dei comunisti nel Nakhichevan, dove si formò una Repubblica Sovietica.

Il trattato[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di settembre, l'Armenia firmò la pace con l'Azerbaigian cedendo il Zangechur e il Nagorno-Karabakh, e riconoscendo il governo del Nakhichevan. La guerra continuò contro la Turchia che continuò la sua avanzata. Nel mese di novembre i turchi presero Alexandropol (Gümrü in turco) e il 2 dicembre 1920 venne firmato un trattato di pace, in base al quale l'Armenia accettava di ritirarsi da tutti i distretti dell'Asia Minore che prima della guerra erano stati turchi, così come anche da Kars e Ardahan (conquistati dall'Impero russo), e riconosceva l'indipendenza del Nakhichevan.