Trachypithecus ebenus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Presbite nero indocinese[1]
Immagine di Trachypithecus ebenus mancante
Stato di conservazione
Status none DD.svg
Dati insufficienti[2]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa Bilateria
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Mammalia
Sottoclasse Theria
Infraclasse Eutheria
Superordine Euarchontoglires
(clade) Euarchonta
Ordine Primates
Sottordine Haplorrhini
Infraordine Simiiformes
Parvordine Catarrhini
Superfamiglia Cercopithecoidea
Famiglia Cercopithecidae
Sottofamiglia Colobinae
Tribù Presbytini
Genere Trachypithecus
Specie T. ebenus
Nomenclatura binomiale
Trachypithecus ebenus
Brandon-Jones, 1995

Il presbite nero indocinese (Trachypithecus ebenus) è una specie di presbite poco conosciuta originaria del Laos e delle regioni adiacenti del Vietnam[3]. In origine era stato descritto come una sottospecie di T. auratus[4], ma in seguito si è scoperta la sua appartenenza al gruppo di T. francoisi, tanto che alcuni continuano a ritenerlo una sottospecie di quest'ultimo[3]. Si è cominciato a considerarlo una specie vera e propria solo nel 2001[1].

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Se si eccettua il pelame quasi completamente nero, ricorda gli altri membri del gruppo di T. francoisi. Caso unico del gruppo, sembra essere parapatrico di T. hatinhensis[3], tanto che sono noti casi inconfutabili di intergradazione con questa specie[5]; inoltre, da un punto di vista genetico, sono poco distinguibili l'uno dall'altro[6][7]. Ciò ha portato a suggerire che T. ebenus sia una forma nera di quel taxon[8], o forse una sottospecie di T. laotum[6][7].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Scheda in (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005. ISBN 0-8018-8221-4.
  2. ^ (EN) Eudey, A. & Members of the Primate Specialist Group (2000), Trachypithecus ebenus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2013.2, IUCN, 2013.
  3. ^ a b c Brandon-Jones, D., Eudey, A. A., Geissmann, T., Groves, C. P., Melnick, D. J., Morales, J. C., Shekelle, M. and Stewart, C.-B. 2004. Asian primate classification. International Journal of Primatology 25(1): 97-164.
  4. ^ Bradon-Jones, D. 1995. A revision of the Asian pied leaf monkeys (Mammalia: Cercopithecidae: Superspecies Semnopithecus auratus), with the description of a new subspecies. Raffles Bull. Zool. 43: 3-43
  5. ^ Duckworth, J. W., Salter, R. E., and Khounboline, K. (eds). 1999 Wildlife in Lao P.D.R: 1999 status report. Vientiane: IUCN, WCS and CPAWM.
  6. ^ a b Roos, C. 2004. Molecular evolution and systematics of Vietnamese primates. In: Nadler, T., U. Streicher, and Ha Thang Long (eds). Conservation of Primates in Vietnam: 23-28.
  7. ^ a b Roos, C., T. Nadler, Y. P. Zhang, H. Zischler. 2001. Molecular evolution and distribution of the superspecies Trachypithecus [francoisi]. Folia Primatol. 72: 181-182.
  8. ^ Black Langur (Trachypithecus ebenus). EPRC. Accessed 2008-07-21

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi