Thunder Fox

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Thunder Fox
Sviluppo Taito
Pubblicazione Taito
Data di pubblicazione agosto 1990
Genere Piattaforme
Modalità di gioco Singolo giocatore, Multiplayer (2 giocatori)
Piattaforma Arcade, Sega Mega Drive, PlayStation 2, Xbox, Microsoft Windows
Periferiche di input Joystick a 8 direzioni con 3 tasti

Thunder Fox (サンダーフォックス Sandāfokkusu?), il cui nome talvolta viene scritto ThunderFox, è un videogioco di tipo Run and gun sviluppato e pubblicato nel 1990 dalla Taito.

Il gioco nel suo gameplay è fortemente ispirato dai prodotti della Konami Green Beret e M.I.A.: Missing in Action, così come da altri giochi del genere quali Shinobi della SEGA e Rolling Thunder della Namco.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Negli anni novanta il pianeta è dominato da una forte organizzazione terroristica che vanta un vero e proprio esercito di paramilitari muniti di armi e veicoli da guerra sia contemporanei che di elevata tecnologia. Spetterà a due elementi della squadra antiterrorismo "ThunderFox" il compito di infiltrarsi nelle basi nemiche ed annientare la malvagia organizzazione.

Modalità di gioco[modifica | modifica sorgente]

Thunder Fox prende da Green Beret gli spunti più geniali, come quello di poter utilizzare contemporaneamente il coltello come arma base e un'altra arma raccolta durante il gioco con numero di munizioni limitate; a questo viene aggiunto un buon set di mosse al protagonista, il quale può camminare accovacciato, saltare sopra una piattaforma con una capriola mortale allo scopo di uccidere contemporaneamente i nemici presenti sulla piattaforma, planare dopo un salto con una capriola in grado di colpire gli avversari e vanta anche come tecnica aggiuntiva un calcio volante efficacissimo contro un gruppo di soldati.

Tra le armi che possono essere raccolte vi sono granate, lanciafiamme, bazooka, fucili d'assalto e pistole; di tutte queste armi a parte il lanciafiamme è visibile il numero di colpi rimasti nella parte dello schermo in alto a sinistra; il bazooka ha un solo colpo che elimina tutti i nemici presenti in quel momento sullo schermo. A differenza di M.I.A.: Missing in Action in Thunder Fox non è possibile raccogliere più di un'arma contemporaneamente.

È possibile giocare con due giocatori contemporaneamente.

Il giocatore, oltre alle vite, ha una barra di energia che cala quando viene colpito, di conseguenza non muore subito al primo colpo subito, e lungo il percorso può trovare dei kit medici che gli permettono di recuperare l'energia perduta nei precedenti scontri.

Il gioco presenta alcune parti di alcuni livelli che variano rispetto alla normale tematica Run and gun del gioco, presentando sezioni di sparatutto a bordo di convertiplani monoposto o di moto d'acqua munite di mitragliatrice.

Inoltre durante il gioco è possibile trovare e guidare una Jeep militare armata con un mitragliatore.

Livelli[modifica | modifica sorgente]

  • "Infiltrati tra le linee nemiche!"
Classico livello ambientato in un campo di battaglia con diverse strutture ed edifici in pessimo stato; già in questo schermo si affronta una gran varietà di nemici come i normali soldati armati di machete, quelli armati con pistole o granate, futuristici robot muniti di cannoncino che possono agire sia a terra ché in aria e bombe che planano dal cielo.
Il boss è un carro armato che, oltre a sparare dal cannone, ha installata una mitragliatrice sulla parte posteriore e questa viene utilizzata da militari che costantemente si sporgono dal carro armato; il veicolo in questione è attaccabile solamente con determinate armi quali granate, lanciafiamme e bazooka, e i soldati che escono dal carro armato se uccisi rilasciano una granata ciascuno da poter raccogliere ed utilizzare.
  • "Distruggi la fortezza aerea!"
Il livello inizia con una parte di sparatutto in cielo a bordo di un piccolo convertiplano armato di mitragliatore; lo scopo è ovviamente quello di distruggere i convertiplani guidati dai nemici ed evitare i loro colpi fino all'arrivo a meta, ovvero a sorvolare la fortezza aerea da attaccare. La fortezza appare come un'enorme velivolo del quale ne vediamo solamente la parte superiore, con la deriva dell'impennaggio posteriore che reca la scritta 5067; qui si può continuare ad utilizzare il convertiplano piuttosto che scendere ed affrontare nemici disarmati esperti di arti marziali e torrette con il solo coltello; è presente un boss di metà livello rappresentato da una postazione con mitragliatrice protetta da un resistente vetro. Una volta entrati all'interno della fortezza oltre ai soldati nemici si dovranno evitare alcune porte che si aprono verso l'esterno, con il rischio di essere sbalzati fuori nel cielo.
Il boss finale è un sistema di difesa a protezione del motore del velivolo, formato da due cannoni laser basculanti e dal motore stesso che quando si scopre può attaccare con delle bombe; una volta distrutto il motore si hanno 70 secondi di tempo per fuggire dalla fortezza in fiamme, evitando nemici e parti del velivolo che cedono e cadono. Alla fine il protagonista si lancia dal veicolo in fiamme a bordo di una moto d'acqua.
  • "Infiltrati nella portaerei nemica!"
Come nel precedente livello si inizia con una fase di sparatutto, ma in questo caso si guida una moto d'acqua munita di mitragliatore, e si dovranno evitare mine d'acqua, oltre che eliminare nemici a bordo di moto d'acqua e sommozzatori che si lanciano da elicotteri. Dalla moto d'acqua si salta sopra un sottomarino che affiora dall'acqua, dove si affrontano soldati e sommozzatori abili nel lanciare coltelli, e si ha il primo scontro con il boss di fine livello, ovvero un energumeno armato di lancia che dopo aver subito alcuni colpi fuggirà a bordo di un elicottero e permetterà al protagonista di salire a bordo della portaerei.
Raggiunto il ponte di volo della portaerei si dovrà affrontare per l'ultima volta il boss; dopo averlo sconfitto il protagonista abbandonerà la portaerei a bordo dell'elicottero che il boss stesso ha utilizzato per arrivare sul ponte.
  • "Colpisci la miniera nemica!"
Il livello inizia in una giungla dove si deve fare attenzione, oltre che ai soldati nemici, anche a delle balestre automatiche posizionate sugli alberi; successivamente si entra nella miniera, dove alcune esplosioni causano la caduta di massi che vanno evitati.
Si termina il livello in una base dove si deve affrontare il boss di fine livello, ovvero un'autogru munita di palla da demolizione allo scopo di causare la caduta di massi con i suoi colpi a terra; inoltre tale veicolo monta un cannone laser che scorre su un binario ed un altro doppio cannone laser che entra ed esce dalla gru, e che rappresenta il punto debole da colpire per poter eliminare il boss.
  • "Distruggi il quartier generale nemico!"
Si inizia dalla parte esterna del quartier generale per poi entrare in una struttura, dove il pavimento cede facendo cadere il protagonista nelle fogne; da qui bisognerà risalire l'intera struttura tramite ascensori e scale, evitando trappole e nemici e raggiungendo il tetto dell'edificio.
Inizialmente sul tetto e poi all'interno della sala comandi del quartier generale si dovrà affrontare e sconfiggere il boss, ovvero un muscoloso militare armato con un grosso fucile d'assalto che monta un lanciagranate a colpo singolo; battuto il nemico si entrerà nella stanza del capo dell'organizzazione terroristica.
  • La sfida finale avviene in una stanza del quartier generale che presenta una grande mappa del pianeta Terra e affisse al muro delle rappresentazioni del volto di Bafometto; il boss finale è un elegante signore inizialmente seduto su uno scranno meccanico armato di cannone; distrutto lo scranno il capo dei terroristi attaccherà con un bazooka, arma che perderà dopo alcuni colpi per lasciar spazio ad uno scontro finale corpo a corpo, dove il boss utilizzerà sia tecniche di arti marziali ché una lama a tre rebbi collegata ad una catena. Se il protagonista perde la vita durante lo scontro successivamente ricomincerà la sfida da capo, ovvero con il boss sullo scranno.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • L'urlo di dolore che si sente quando i soldati nemici disarmati e abili nelle arti marziali muoiono è preso da Operation Wolf, precedente gioco della Taito.
  • Durante la fuga dalla fortezza aerea nel secondo livello, è possibile vedere sulle pareti interne del velivolo alcuni missili recanti il nome "Lucky Angel".

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi