The Man-Machine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Man-Machine
Artista Kraftwerk
Tipo album Studio
Pubblicazione maggio 1978
Durata 36 min : 18 s
Dischi 1
Tracce 6
Genere Krautrock
Musica elettronica
Etichetta Kling Klang Germania
EMI
Capitol
Produttore Ralf Hütter
Florian Schneider
Registrazione dal 1977 al 1978 negli Studio Rudas e nei Kling Klang Studios
Note #12 Germania[1]
  1. 15 Austria[2]
Kraftwerk - cronologia
Album precedente
(1977)
Album successivo
(1981)
Singoli
  • The Robots
    Pubblicato: 1978
  • The Model
    Pubblicato: 1978

The Man-Machine (titolo tedesco Die Mensch-Maschine), è il settimo album della band tedesca di musica elettronica Kraftwerk, pubblicato nel maggio del 1978.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta del primo album dei Kraftwerk nel quale compare Karl Bartos accreditato come compositore dei brani assieme a Hütter e Schneider. Emil Schult invece contribuì alla stesura del testo del brano The Model, il cui singolo raggiunse nel 1982 il numero uno nella classifica dei singolo britannica, ed è stato oggetto di cover da parte di molte band, come i Rammstein o i Carter USM. Musicalmente, The Man Machine è simile al precedente Trans Europe Express. Le registrazioni avvennero nello studio personale della band, il Kling Klang studio, e nel Rudas Studio. Il design della copertina imita lo stile grafico dell'Avanguardia Russa degli anni '30, in particolare quello del designer/architetto El Lissitzky. Il brano Metropolis è dedicato al film omonimo di Fritz Lang.

Lancio[modifica | modifica wikitesto]

Alla sua uscita, The Man Machine entrò subito nella classifica tedesca piazzandosi al 12º, successivamente scalò anche quelle degli Stati Uniti e del Regno Unito, arrivando rispettivamente al 130º e 54º posto.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Edizione internazionale[modifica | modifica wikitesto]

  1. The Robots (Hütter, Schneider, Bartos) - 6:11
  2. Spacelab (Hütter, Bartos) - 5:51
  3. Metropolis (Hütter, Schneider, Bartos) - 5:59
  4. The Model (Hütter, Bartos, Schult) - 3:38
  5. Neon Lights (Hütter, Schneider, Bartos) - 9:03
  6. The Man-Machine (Hütter, Schneider, Bartos) - 5:28

Rilascio[modifica | modifica wikitesto]

Al suo rilascio il disco entrò nella dodicesima posizione in Germania, nono nel Regno Unito e nella posizione 130 nella Billoboard 200 negli USA. Arrivò alla posizione 96 della rivista Q nella classifica dei 100 Migliori Album della storia.

Una nuova versione rimasterizzata del disco è stata pubblicata nel 2009 da EMI Records, Mute Records e Astralwerks Records in formato CD e download digitale, e in più un'edizione in vinile uscita nel novembre/Dicembre del 2009.

Edizione tedesca[modifica | modifica wikitesto]

  1. Die Roboter - 6:11
  2. Spacelab - 5:51
  3. Metropolis - 5:59
  4. Das Modell - 3:38
  5. Neonlicht - 9:03
  6. Die Mensch-Maschine - 5:28

Componenti[modifica | modifica wikitesto]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Personale tecnico[modifica | modifica wikitesto]

  • Leonard Jackson - ingegnere del suono
  • Joschko Rudas - ingegnere del suono
  • Karl Klefisch - grafico della copertina
  • Günther Fröhling - fotografie della copertina

Strumentazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Digitando il nome del gruppo nel motore di ricerca di questo archivio ed inserendo il parametro Deutsche Album Charts è possibile vedere le posizioni degli album dei Kraftwerk nella classifica tedesca
  2. ^ Pagina dedicata alle posizioni di album e singoli dei Kraftwerk nella classifica austriaca