Suva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Suva
città (city)
Suva – Veduta
Localizzazione
Stato Figi Figi
Divisione Centrale
Provincia Rewa
Distretto Non presente
Territorio
Coordinate 18°08′29.76″S 178°26′30.84″E / 18.1416°S 178.4419°E-18.1416; 178.4419 (Suva)Coordinate: 18°08′29.76″S 178°26′30.84″E / 18.1416°S 178.4419°E-18.1416; 178.4419 (Suva)
Abitanti 85 099[1] (2013)
Altre informazioni
Fuso orario UTC+12
Cartografia

Suva – Localizzazione

Suva (77.336 ab. nel 2006) è la capitale delle isole Figi, e ne è la città più popolosa.

La città è situata sulla costa sud-orientale dell'isola di Viti Levu nella divisione amministrativa di Central Fiji di cui è il capoluogo.

Suva è il maggior centro commerciale e politico delle isole Figi e considerando l'area urbana della Great Suva raggiunge i 167.975 abitanti ed è il più grande centro urbano del Pacifico meridionale al di fuori dell'Australia e della Nuova Zelanda. La città ha un porto profondo che permette l'attracco di grosse navi mercantili e da crociera.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Quando i primi europei arrivarono sull'isola di Viti Levu trovarono un piccolo villaggio chiamato Suva che sarebbe stato destinato a divenire la capitale delle isole Fiji nel 1882 sostituendo come capitale Levuka che non offriva possibilità di espansione. Varie località dell'arcipelago furono prese in considerazione come possibili capitali ma alla fine la scelta cadde su Suva. Da quel momento in poi Suva cominciò ad espandersi dapprima in una piccola cittadina fino a divenite l'attuale città. Il vecchio villaggio figiano di Suva fu trasferito a tre miglia di distanza ed assunse il nome Suvavou (Nuova Suva). La prima Government House fu rasa al suolo dopo che fu colpita da un fulmine e sostituita dall'attuale Government House inaugurata nel 1928 e costruita ad imitazione della Government House di Colombo in Sri Lanka. Nel 1902 venne inaugurata la cattedrale cattolica del Sacro Cuore. Nel 1914 fu aperto il Grand Pacific Hotel uno dei migliori alberghi del Pacifico meridionale. Nella piccola cittadina la vita sociale a quei tempi era limitata così come i rapporti tra gli indigeni locali e gli europei. Fino al 1926 fu tenuto in vigore un coprifuoco per i non europei dopo le ore 23.

La città si espanse nel 1952 incorporando Muanikau e Samabula. L'ulteriore espansione edilizia degli anni recenti ha creato vari sobborghi che concorrono a creare l'area urbana della Grande Suva.

Punti di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Nella parte più vecchia di Suva ha trovato dimora il Museo delle Figi che ospita una ricca collezione di reperti antropologici e storici del patrimonio culturale delle Figi. Di notevole interesse architettonico la cattedrale del Sacro Cuore, risalente al 1902,[2] e la Biblioteca centrale di Suva, costruita nel 1909 grazie ad un finanziamento dell'industriale americano Andrew Carnegie.

Suva ospita il campus più grande dell'Università del Pacifico del Sud che ha trovato sistemazione nell'area della ex base neozelandese di idrovolanti.

La città ha moltissimi parchi tra questi il nuovo Takashi Suzuki Garden e i Thurston Gardens aperti nel 1913 che ospitano una vasta collezione della flora del Pacifico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ world gazetteer
  2. ^ La cattedrale di Suva

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]


Oceania Portale Oceania: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Oceania