Stunt Car Racer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stunt Car Racer
Scracer.png
Immagine di gioco (versione MS-DOS, modalità EGA)
Sviluppo MicroStyle
Pubblicazione Microprose, MicroPlay
Ideazione Geoff Crammond
Data di pubblicazione 1989
Genere Simulatore di guida
Modalità di gioco giocatore singolo, multiplayer
Piattaforma Amiga, Amstrad CPC, Atari ST, Commodore 64, MS-DOS, ZX Spectrum
Supporto floppy disk
Periferiche di input tastiera, Joystick

Stunt Car Racer (distribuito come Stunt Track Racer negli Stati Uniti) è un videogioco di guida del 1989, sviluppato da Geoff Crammond per MicroStyle (etichetta creata da Microprose per il mercato inglese).

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Nel gioco si guidano dei dragster su circuiti automobilistici simili a montagne russe, dotati di salti e paraboliche, dai quali è possibile cadere: dopo ogni caduta l'auto viene rimessa in pista da una gru, a meno che non sia troppo danneggiata per proseguire. Infatti, ogni volta che si cade o si urta contro un avversario, si può vedere una crepa allungarsi sempre di più nell'abitacolo: quando raggiunge la sua massima estensione, l'auto si ferma. Nelle auto è presente un turbo, che può essere utilizzato in maniera limitata dato l'alto consumo di carburante.

Nel gioco sono presenti due modalità: pratica e campionato. Nella prima si possono percorrere le piste da soli, in modo da prendere confidenza con gli 8 tracciati a disposizione; la seconda permette di partecipare ad un torneo a gironi, dove si gareggia contro un avversario guidato dalla CPU. Il campionato è suddiviso in quattro categorie; in ognuna di queste ci sono tre piloti e due piste, di crescente difficoltà. Ad ogni gara vinta si guadagnano dei punti, e al termine della stagione il primo classificato viene promosso nella categoria superiore, mentre l'ultimo in quella inferiore. Scopo del gioco è quello di vincere la prima divisione.

Piste[modifica | modifica wikitesto]

1ª divisione
  • Sky Jump
  • Draw Bridge
2ª divisione
  • High Jump
  • Roller Coaster
3ª divisione
  • Stepping Stones
  • Big Ramp
4ª divisione
  • Little Ramp
  • The Hump Back

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

Le versioni per Amiga e Atari ST, sono tecnicamente migliori, perché dotate di un maggior numero di colori e di audio digitalizzato; permettono inoltre una modalità multiplayer a due giocatori tramite un cavo null modem. Le versioni per ZX Spectrum e Amstrad CPC sono state programmate da Pete Cooke, specializzato in videogiochi 3D per quelle piattaforme. La versione per Commodore 64 è stata in seguito portata anche per lo sfortunata console Commodore 64 Games System, e inserito nella cartuccia dal titolo Power Play insieme a Rick Dangerous e Microprose Soccer.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]