Stretto (Croazia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stretto
comune
(HR) Tisno
Stretto – Veduta
Localizzazione
Stato Croazia Croazia
Regione Šibenik County coat of arms.png Sebenico e Tenin
Amministrazione
Sindaco Joso Stegić
Territorio
Coordinate 43°48′00″N 15°38′24″E / 43.8°N 15.64°E43.8; 15.64 (Stretto)Coordinate: 43°48′00″N 15°38′24″E / 43.8°N 15.64°E43.8; 15.64 (Stretto)
Altitudine m s.l.m.
Superficie 67,03 km²
Abitanti 3 239 (2001)
Densità 48,32 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 22240
Prefisso 022
Fuso orario UTC+1
Targa ŠI
Cartografia
Mappa di localizzazione: Croazia
Stretto
Sito istituzionale

Stretto[1][2][3][4] (in croato Tisno, o Tijesno[2]) è un comune della regione di Sebenico e Tenin in Croazia, posto in parte sulla terraferma e in parte sull'isola di Morter.

Nome[modifica | modifica sorgente]

La località deve il suo nome sia italiano sia croato alla propria posizione geografica lungo lo stretto che separa la costa dalmata dall'isola di Morter.[senza fonte]

Località[modifica | modifica sorgente]

Il comune di Stretto è suddiviso in 6 frazioni[5]:

  • Bettina[6] (Betina)
  • Dazlina
  • Dubrava kod Tisna
  • Gessera[7] o Geserà[8] (Jezera)
  • Prosika
  • Stretto (Tisno)

Italiani[modifica | modifica sorgente]

Secondo lo storico Giotto Dainelli, a Stretto e nei paesi dell'isola di Mortero era presente fino alla fine del XIX secolo anche una minoranza italiana. Infatti, consultando i registri parrocchiali, si vede che, ad esempio, a Bettina intorno al 1850, accanto alle numerose famiglie croate, erano presenti i cognomi: Sladin, Giadresin, Magazin, Battin e Nenoda, mentre a Stretto vi erano - tra le altre - le famiglie: Spadina, Mattesin, Olivari, Cervellin, Rajmondi, Orada.[senza fonte]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dario Alberi, Dalmazia. Storia, arte, cultura, Lint Editoriale, Trebaseleghe (PD) 2008, pp. 764-766.
  2. ^ a b Cfr. a p. 200 in Istituto Idrografico della Marina Portolano del Mediterraneo, volume 6, Adriatico Orientale (edizione 1994, nuova tiratura febbraio 2002), Genova. (Pubblicazione annessa alla cartografia ufficiale dello Stato - legge 2 febbraio 1960, n. 68).
  3. ^ Zaravecchia und Stretto (1911) - K.u.K. Militärgeographisches Institut - 1:75 000 - ZONE 30 – KOL XIII
  4. ^ Blatt 33-44 der Generalkarte von Mitteleuropa 1:200.000 der Franzisco-Josephinischen Landesaufnahme, Österreich-Ungarn, ab 1887
  5. ^ Frazioni della Regione di Sebenico e Tenin
  6. ^ [1]
  7. ^ Dario Alberi, Dalmazia. Storia, arte, cultura, Lint Editoriale, Trebaseleghe (PD) 2008, p. 766.
  8. ^ [2]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]