Stifftioideae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Stifftioideae
Stifftia chrysantha.jpg
Stifftia chrysantha
Classificazione Cronquist
Deletion icon.svg taxon non contemplato
Classificazione APG
Regno Plantae
(clade) Eudicotiledoni
(clade) Asteridi
(clade) Euasteridi II
Ordine Asterales
Famiglia Asteraceae
Sottofamiglia Stifftioideae
(D. Don) Panero, 2007
Tribù Stifftieae
Generi

Stifftioideae (D. Don) Panero, 2007 è una sottofamiglia delle Asteraceae, endemica del Sud America.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La sottofamiglia comprende arbusti o liane dal fusto legnoso, con foglie alternate o raramente opposte, picciolate, coriacee, con margine intero, glabre o pubescenti.
L'infiorescenza è un capolino terminale o raramente ascellare, di colore dal bianco al giallo, dall'arancione al rosso, dal rosa al viola.
Il frutto è un achenio cilindrico, con pappo piumoso, generalmente biancastro, in alcune specie giallo-arancio o rosa.[1]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

L'areale della sottofamiglia è limitato al Sud America: la maggior parte delle specie è endemica del Venezuela e della Guyana, alcune del Brasile, altre si trovano in altri paesi della regione andina.[2]

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Comprende una unica tribù, Stifftieae, con 11 generi, 44 specie.[1][3][2]
La gran parte delle specie erano in passato inquadrate all'interno della tribù Mutisieae (sottotribù Gochnatiinae e Mutisiinae).[4]
I generi attualmente attribuiti alla sottofamiglia sono:[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Panero JL & Funk VA, New infrafamilial taxa in Asteraceae in Phytologia 2007; 89(3): 356-360.
  2. ^ a b Panero, J. L., and V. A. Funk, The value of sampling anomalous taxa in phylogenetic studies: major clades of the Asteraceae revealed in Mol. Phylogenet. Evol. 2008; 47: 757-782.
  3. ^ Panero J. L. and V. A. Funk, Toward a phylogenetic subfamilial classification for the Compositae (Asteraceae) in Proc. Biol. Soc. Wash. 2002; 115: 909-922.
  4. ^ Ortiz J et al., The basal grade of Compositae: Mutisieae (sensu Cabrera) and Carduoideae in Systematics, Evolution, and Biogeography of Compositae, Vienna, International Association for Plant Taxonomy (IAPT), 2009.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Funk V.A., Susanna A., Stuessy T.F. and Robinson H., Classification of Compositae in Systematics, Evolution, and Biogeography of Compositae, Vienna, International Association for Plant Taxonomy (IAPT), 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica