Khaankhra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Smatawy)
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Khaankhra (Sobekhotep I)
Cartiglio di Sobekhotep I proveniente da Abydos. Parigi, Louvre.
Cartiglio di Sobekhotep I proveniente da Abydos. Parigi, Louvre.
Re dell'Alto e Basso Egitto
Incoronazione tra il 1790 a.C. ed il 1630 a.C.[1]
Predecessore Nedjemibra
Successore Renseneb
Morte tra il 1790 a.C. ed il 1630 a.C.[2]
Dinastia XIII dinastia egizia

Khaankhra (Sobekhotep I) (... – ...) è stato un faraone della XIII dinastia egizia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Questo sovrano, che secondo il Canone Reale doveva essere il dodicesimo della dinastia, appare anche nella Sala degli antenati di Thutmose III ed è conosciuto soprattutto per i resti di una piccola cappella, dedicata ad Osiride proveniente da Abydos.
Il significato del nome Horo, "Colui che ha unito le Due Terre", potrebbe far pensare che questo sovrano abbia almeno tentato di opporsi alla frantumazione del potere centrale ormai in atto da alcuni decenni, ma questa è solo un'ipotesi non supportata da fonti certe.

Nel Canone Reale il nome è seguito da

G39 HASH

sa ... - figlio di ...
questa formula era spesso usata quando il sovrano non era figlio del re precedente.

Liste Reali[modifica | modifica wikitesto]

Nome Horo Sala degli antenati di Karnak Canone Reale Anni di regno
Smatawy 47
Hiero Ca1.png
N5 N28 S34
Hiero Ca2.svg

ḫˁ ˁnḫ; rˁ - Khaankhra
6.15
Hiero Ca1.png
N5 I4 HASH p
Hiero Ca2.svg

sbk ..p rˁ - Sobek...pra
persi


Titolaura[modifica | modifica wikitesto]

Titolo Traslitterazione Significato Nome Traslitterazione Lettura (italiano) Significato
G5
ḥr Horo
F36 N18
N18
N23 N23
Srxtail.jpg
sm3 ta wy Smatawy Colui che unisce le Due Terre
G16
nbty (nebti) Le due Signore
R11 R11 N28
D36
Z2
ḏdḫ՚.w Djedkhawy Sicuro nell'apparire
G8
ḥr nbw Horo d'oro
D28
Z2
R8A
k3 .w nṯr .w kaunetjeru Il Ka degli dei
M23
X1
L2
X1
nsw bjty Colui che regna
sul giunco
e sull'ape
Hiero Ca1.svg
N5 N28 S34
Hiero Ca2.svg
ḫˁ ˁnḫ; rˁ Khaankhra Ra è vivo
G39 N5
s3 Rˁ Figlio di Ra
Hiero Ca1.svg
I4 R4
t p
Hiero Ca2.svg
sbk htp Sobekhotep Sobek è contento


Predecessore Signore dell'Alto e del Basso Egitto Successore Double crown.svg
Nedjemibra Secondo periodo intermedio Renseneb

Dinastie contemporanee
XIV dinastia


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cimmino Franco, Dizionario delle dinastie faraoniche, p. 470
  2. ^ Cimmino Franco, Dizionario delle dinastie faraoniche, p. 470


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Cimmino, Franco - Dizionario delle dinastie faraoniche - Bompiani, Milano 2003 - ISBN 88-452-5531-X
  • Gardiner, Alan - La civiltà egizia - Oxford University Press 1961 (Einaudi, Torino 1997) - ISBN 88-06-13913-4
  • Hayes, W.C. - L'Egitto dalla morte di Ammenemes III a Seqenenre II - Il Medio Oriente e l'Area Egea 1800 - 1380 a.C. circa II,1 - Cambridge University 1973 (Il Saggiatore, Milano 1975)
  • Wilson, John A. - Egitto - I Propilei volume I - Monaco di Baviera 1961 (Arnoldo Mondadori, Milano 1967)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]