Hetepibra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Hetepibra
Re dell'Alto e Basso Egitto
Incoronazione tra il 1790 a.C. ed il 1630 a.C.[1]
Predecessore Semenkara
Successore Sewadjkara
Morte tra il 1790 a.C. ed il 1630 a.C.[2]
Dinastia XIII dinastia egizia

Hetepibra (... – ...) è stato il nono sovrano, secondo il Canone Reale, della XIII dinastia egizia.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Da parte di molti studiosi (ad esempio Kim Ryholt) è stato proposto che questo sovrano coincida con Sehetepibra che il Canone reale riporta nella posizione 6.8 e lo sdoppiamento sia dovuto ad un errore dello scriba che in epoca ramesside compilò il papiro.

Questa circostanza è supportata anche dal rinvenimento ad Ebla in Siria di un reperto recante il nome di Hetepibra Hornedjehiryotef sa Kemau dove sa Kemau è traducibile con figlio dell'asiatico, epiteto riferibile anche a Setepibra che in una iscrizione è detto figlio di Ameny l'asiatico (Sankhtawy).

L'oggetto in questione è una mazza da guerra, rinvenuta, dalla missione archeologica italiana diretta da Paolo Matthiae, in quella che viene chiamata la Tomba del Signore dei capridi. Sul manico dell'oggetto, probabilmente un dono, è riportata, in geroglifico, la titolatura reale di Hetepibra. Nella stessa tomba è stata anche rinvenuta una coppa di fattura egizia recante la scritta, in caratteri cuneiformi, appartiene ad Imneya (verosimilmente il nome del proprietario della tomba)

Questi fatti, senza arrivare ad ipotizzare come hanno fatto alcuni studiosi, un'origine asiatica di questo sovrano e dei suoi predecessori (l'epiteto l'asiatico potrebbe indicare un'influenza o una conquista, come nel più famoso caso di Scipione l'Africano), confermerebbero il permanere di rapporti commerciali, ed anche politici, dell'Egitto con il Medio Oriente.

A questo sovrano viene anche attribuita la costruzione, alcuni decenni prima del periodo hyksos, di un palazzo nell'area di Avaris (resti scoperti di recente da una missione austriaca a Tell el-Dab'a), zona che diverrà in seguito la capitale della XV dinastia.

L'indicazione della discendenza nel nomem fa ritenere che questo sovrano non fosse nato all'interno della famiglia reale

Liste Reali[modifica | modifica sorgente]

Nome Horo Canone Reale Anni di regno
sconosciuto 6.12
Hiero Ca1.png
N5 s R4 t p ib Z1
Hiero Ca2.svg

s ḥtp ib rˁ - Sehetepibra
... 3 ... ( 3 mesi ?)

Titolatura[modifica | modifica sorgente]

Titolo Traslitterazione Significato Nome Traslitterazione Lettura (italiano) Significato
G5
ḥr Horo
Srxtail.jpg
G16
nbty (nebti) Le due Signore

G8
ḥr nbw Horo d'oro

M23
X1
L2
X1
nsw bjty Colui che regna
sul giunco
e sull'ape
Hiero Ca1.svg
N5 R4 t p ib
Hiero Ca2.svg
ḥtp ib r՚ Hetepibra Il cuore di Ra è in pace
G39 N5
 
s3 Rˁ Figlio di Ra
Hiero Ca1.svg
T14 G43 G39 G5 Aa27 I10 D2 t I9
Hiero Ca2.svg
qm3 w s3 hr nḏ hr t =f Hornedjeheriotef sa Kemau Horo difende suo padre, figlio dell'asiatico[3]


Predecessore Signore dell'Alto e del Basso Egitto Successore Double crown.svg
Semenkara Secondo periodo intermedio Sewadjkara

Dinastie contemporanee
XIV dinastia


Altre datazioni[modifica | modifica sorgente]

Autore Anni di regno
Ryholt 1791 a.C. - 1788 a.C.[4]
Franke 1738 a.C.[5]


Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Cimmino Franco, Dizionario delle dinastie faraoniche, p. 470
  2. ^ Cimmino Franco, Dizionario delle dinastie faraoniche, p. 470
  3. ^ Annales du Service del Antiquites n°52,9
  4. ^ K.S.B. Ryholt, The Political Situation in Egypt during the Second Intermediate Period, c.1800–1550 BC, Carsten Niebuhr Institute Publications, vol. 20. Copenhagen: Museum Tusculanum Press, 1997
  5. ^ Personendaten aus dem Mittleren Reich, Éd. Otto Harrassowitz, Wiesbaden, 1984, (ISBN 3447024844)

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Cimmino, Franco - Dizionario delle dinastie faraoniche - Bompiani, Milano 2003 - ISBN 88-452-5531-X
  • Gardiner, Martin - La civiltà egizia - Oxford University Press 1961 (Einaudi, Torino 1997) - ISBN 88-06-13913-4
  • Hayes, W.C. - L'Egitto dalla morte di Ammenemes III a Seqenenre II - Il Medio Oriente e l'Area Egea 1800 - 1380 a.C. circa II,1 - Cambridge University 1973 (Il Saggiatore, Milano 1975)
  • Wilson, John A. - Egitto - I Propilei volume I -Monaco di Baviera 1961 (Arnoldo Mondadori, Milano 1967)

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Approfondimenti e letture consigliate[modifica | modifica sorgente]