Setos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Setos
Setos
Bandiera
Nomi alternativi Setoq, Setu[1]
Luogo d'origine Estonia Estonia sudorientale, Russia Russia nordoccidentale
Popolazione circa 10 184
Lingua dialetto seto
Religione cristiana ortodossa di rito estone
Gruppi correlati Finnici del Baltico
Distribuzione
Estonia Estonia circa 10 000
Russia Russia[2] 184

I Setos, detti anche Setoq o Setu,[1] rappresentano una etnia autoctona e una minoranza linguistica che vive tra il sud est dell’Estonia e il nord ovest della Russia.

Per lo più i Setos parlano il seto, una lingua simile al finlandese, all'estone e al voro appartenente al ceppo linguistico Baltico-Finlandese che fa parte del gruppo Ugro-Finnico.

La maggioranza dei Setos professa la religione cristiana ortodossa di rito estone, che spesso convive con la religione precristiana che i Setos non hanno mai del tutto abbandonato.

Localizzazione[modifica | modifica sorgente]

Ci sono circa 10 184 Setos nel mondo.

La maggior parte di loro però si trovano nella regione Seto (Setomaa) che è divisa tra il Sud-Est dell’Estonia (tra le regioni Põlvamaa e Võrumaa) e il Nord Ovest della Federazione Russa nella Regione di Pskov-Contea di Petseri

A causa del confine sud-orientale non ancora stabilito fra Estonia e Russia, questo popolo è destinato per il momento a vivere diviso tra le due nazioni.[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Michael Palin, Viaggio nella nuova Europa, traduzione di Marco Bertoli, Sagoma, 2011, ISBN 978-88-6506-020-9.
  2. ^ censimento 2002
  3. ^ fonte Lonely Guide