Trattato di Tartu (Russia-Estonia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I cambiamenti ai confini dell'Estonia
Il ministro degli esteri dell'Estonia - Jaan Poska, mentre sigla il Trattato di Tartu (Russia-Estonia) a Tartu, il 2 febbraio 1920.

Il Trattato di Tartu (in estone: Tartu rahu, letteralmente "Pace di Tartu") è un trattato stipulato tra Estonia e Unione Sovietica il 2 febbraio 1920 dopo la guerra di indipendenza estone.

L'Unione Sovietica ha ripetutamente violato questo trattato, a partire dall'occupazione sovietica dell'Estonia durante e dopo la seconda guerra mondiale. Successivamente la Federazione russa, pur proclamandosi successore dello stato sovietico non ha voluto mai riconoscere questo trattato.[1]

I termini del trattato stabiliscono inoltre che la Russia avrebbe dovuto per sempre rinunciare a ogni diritto sul territorio dell'Estonia, che originariamente comprendeva oltre all'attuale territorio anche la zona a sud est di Petseri e della sua contea e la zona di Jaanilinn, attuale Ivangorod, città del Kingiseppskij rajon, a est di Narva, per un totale di 2.000 km², circa.[2]

Il 29 settembre 1960 il Consiglio europeo adottò una risoluzione che condannava l'occupazione militare degli Stati baltici da parte dell'Urss.

Dall'indipendenza del 1991 l'Estonia rivendica questi territori, che per l'articolo 2 della Costituzione estone fanno parte della nazione estone, ma ad oggi essi rimangono sotto amministrazione russa.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tuchenhagen - Storia dei Paesi Baltici - Ed. Il Mulino
  2. ^ Tuchenhagen - Storia dei Paesi Baltici - Ed. Il Mulino
  3. ^ Tuchenhagen - Storia dei Paesi Baltici - Ed. Il Mulino

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]