Robert Creeley

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Robert Creeley
« Una voce nel luogo io sono, ma
sua eco solo nel tuo »
(da Per amore di Robert Creeley[1])

Robert Creeley (Arlington, 21 maggio 1926Odessa, 2 aprile 2005) è stato un poeta statunitense, tra i maggiori esponenti della lirica postmoderna.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Iscrittosi ad Harvard non conclude però gli studi ma vive intensamente vicino a Charles Olson - poeta statunitense e direttore del College che influenzò la Beat Generation - l'esperienza del Black Mountain College, per il quale diresse la rivista "Black Mountain College Review" nel North Carolina.

Egli pubblica le sue prime poesie sulla rivista "Wake" ad Harvard e nel 1949 inizia una fitta corrispondenza con Williams Carlos Williams ed Ezra Pound. L'anno seguente il poeta conosce Charles Olson con il quale stringe una forte amicizia.

Viaggia in Europa e in Asia, vivendo per quarant'anni - con frequenti ritorni in America - in Giappone, a partire dal 1953, dove apprende la filosofia buddista e l'insegnamento zen.

Nel 1954 Olson, che era rettore del Black Mountain College, un collegio di arti sperimentali nel North Carolina, invita Creeley a collaborare all'edizione della rivista Black Mountain Review.

Tornato in America vive a Taos e a San Francisco. Nel 1956 si reca in Nuovo Messico per insegnare ad Albuquerque e in seguito in una finca nel Guatemala. Nel 1960 Creeley riceve il Master's Degree dall'Università del Nuovo Messico ad Albuquerque.

Colpito da enfisema polmonare non volle mai farsi curare e negli ultimi anni andò a vivere a Buffalo nel Texas dove è morto.

Robert Creeley con Allan Graham, durante la registrazione di "Add-Verse", 2004, foto di Gloria Graham

Amico dei più importanti artisti moderni, lavorava spesso con loro a diversi progetti riguardanti mostre e libri ed era inoltre un appassionato di musica jazz. Amava l'arte in tutte le sue forme e si recava ovunque per tenere reading che lo resero popolare. La reputazione che aveva, soprattutto Oltreoceano, era quella di poeta postmoderno che aveva contribuito a rinnovare la poesia americana nel mondo durante il Secondo Dopoguerra. Amato per i suoi esperimenti linguistici venne considerato un grande degli anni cinquanta nel momento della maggiore cultura degli USA e la sua poesia venne ascoltata e accolta con immenso entusiasmo. Ammirato e lodato da Allen Ginsberg per gli esperimenti linguistici all'avanguardia, pubblicò una sessantina di libri in un linguaggio teso e rigoroso attento alle tematiche delle tensioni umane quotidiane.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ * Fernanda Pivano, Poesia degli ultimi americani, collana "Universale economica" (694), Milano, Feltrinelli, 1973, p. 53 di 370..

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Tra le raccolte di poesie[modifica | modifica sorgente]

  • Per amore (For love - Poems 1950 - 1960, 1962)
  • Parole (Words, 1967)
  • Trenta cose (Thirty things, 1974)
  • Più tardi (Later, 1979)
  • Echi (Echoes, 1982)
  • Specchi (Mirrors, 1983)
  • Memorie (Memories, 1984)
  • Finestre (Windows, 1990)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • Approfondimento biografico (EN) Robert White Creeley, New York State Writers Institute. URL consultato il 23 febbraio 2010.
  • Approfondimento biografico (EN) Robert Creeley, Academy of American Poets. URL consultato il 23 febbraio 2010.
  • Un progetto poesia-foto-video cui ha preso parte Creeley (EN) Add Verse. URL consultato il 23 febbraio 2010.
  • Alcune poesie tratte da "Later" Poesie da "Later". URL consultato il 23 luglio 2012.

Controllo di autorità VIAF: 109562114 LCCN: n79043504