Reichsgau Danzig-Westpreußen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Reichsgau Danzig-Westpreußen
Reichsadler der Deutsches Reich (1933–1945).svg Flag of German Reich (1935–1945).svg
Mappa di localizzazione
NS administrative Gliederung 1944.png
Informazioni generali
Nome completo Danzica-Prussia Occidentale
Capoluogo Danzica
Superficie 26057 km² (1939)
Popolazione 1487452 (1939)
Dipendente da Terzo Reich
Amministrazione
Forma amministrativa Reichsgau
Gauleiter Albert Forster
Evoluzione storica
Inizio 8 ottobre 1939
Causa Campagna di Polonia
Fine 30 marzo 1945
Causa Occupazione sovietica
Preceduto da Succeduto da
Flag of Poland.svg Voivodato della Pomerania
Flag of the Free City of Danzig.svg Libera Città di Danzica
Flag of German Reich (1935–1945).svg Prussia orientale
Flag of Poland.svg Voivodato della Pomerania Flag of Poland.svg Territori recuperati

La provincia Danzica-Prussia Occidentale (in lingua tedesca: Reichsgau Danzig-Westpreußen) fu una unità di suddivisione amministrativa tedesca (Reichsgau) creata nel 1939 dai nazisti nel territorio della Libera Città di Danzica e nella Pomerania polacca appena conquistata dalla Wehrmacht. Il nome divenne ufficiale il 2 novembre 1939,[1] un mese dopo l'invasione della Polonia. Il capoluogo della provincia era Danzica e la popolazione, senza contare la città, era di 1.487.452 persone. L'area della provincia era di 26.057 km².

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nell'area si trovavano il grande campo di concentramento di Stutthof, dove morirono in più di 85.000, e il sito di sterminio di massa di Piasnica, dove furono giustiziati più di 2.000 membri dell'intelligentsia locale polacca-casciuba, e altre migliaia di persone. La Chiesa Cattolica Romana di Polonia fu fortemente perseguitata e molti preti cattolici furono deportati nei campi di concentramento. La maggior parte della minoranza ebraica di Danzica, tuttavia, lasciò la regione nel 1939, quando Danzica non era ancora parte della Germania.

Nel marzo del 1945 la regione fu conquistata dall'Armata Rossa, e dopo pochi giorni, ritornò sotto amministrazione polacca. Il governatore nazista, Albert Forster, fu in seguito condannato a morte e giustiziato per crimini contro l'umanità.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Danzica-Prussia Occidentale fu divisa in tre distretti governativi (Regierungsbezirk); le principali città di ogni distretto erano Bromberg, Danzica e Marienwerder.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Quello provvisorio fu Reichsgau Westpreußen .

Fonti[modifica | modifica sorgente]