Raid di Tondern

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Raid di Tondern
Data 19 luglio 1918
Luogo Tondern
Esito Successo inglese
Schieramenti
Effettivi
HMS Furious e scorta della Harwich Force Difese contraeree tedesche
Perdite
1 pilota morto 2 dirigibili
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

Il Raid di Tondern fu una operazione aeronavale effettuata il 19 luglio 1918 dalla aviazione navale inglese sulla base aerea tedesca, oggi in territorio danese, di Tondern.

Storia[modifica | modifica sorgente]

I Sopwith Camel pronti all'azione sul ponte della Furious prima del raid su Tondern

Durante tutta la prima guerra mondiale, i dirigibili Zeppelin furono una costante minaccia per le forze navali alleate in generale e per l'Inghilterra nel suo stesso territorio metropolitano. Poiché all'epoca non esistevano radaraerei a lungo raggio, i dirigibili, già in grado di effettuare trasvolate di migliaia di chilometri portando un carico utile, erano in grado di pattugliare e colpire per mare e per terra, soprattutto di notte, con la garanzia della quasi assoluta impunità. Pertanto il modo più efficace di eliminare la minaccia consisteva nel colpire le loro basi; ma questo divenne possibile solo quando comparve la portaerei, arma offensiva capace di arrivare ad una distanza dall'obiettivo compatibile con l'autonomia dei velivoli, recuperarli e tornare alla base.

Nel corso del raid la portaerei britannica HMS Furious, protetta da cinque incrociatori, HMS Caledon, HMS Galatea, HMS Royalist, HMS Phaeton ed HMS Inconstant, ed un cacciatorpediniere, HMS Violent, portò nove biplani Sopwith Camel a distanza utile dalla base nella notte del 19 luglio.

I biplani, divisi in due ondate di cinque e quattro velivoli, attaccarono la base costituita da tre hangar e relative piste di volo, distruggendone uno con due dirigibili, precisamente l'L54 e lo L60, danneggiandone un altro con un pallone all'interno. All'epoca gli atterraggi notturni su portaerei erano di estrema difficoltà e non tutti i velivoli rientrarono alla Furious: alcuni piloti ammararono vicino alle navi e vennero recuperati dalle navi di scorta, altri atterrarono sulla costa finendo prigionieri; solo un pilota, il Tenente di Vascello Yeulett, morì nell'ammaraggio ed il suo corpo venne gettato sulla costa insieme ai rottami del suo aereo alcuni giorni più tardi.

L'operazione, il cui nome in codice era F5, fu un successo e pose fine all'operatività di Tondern come base per i dirigibili. Una analoga operazione da tenersi sempre in giugno, la F6, venne annullata a causa dei forti venti.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]