Pouteria lucuma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Lúcuma
Lucuma.png
Frutto di Pouteria lucuma
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Ebenales
Famiglia Sapotaceae
Genere Pouteria
Specie P. lucuma
Classificazione APG
Ordine Ericales
Famiglia Sapotaceae
Nomenclatura binomiale
Pouteria lucuma
(Ruiz & Pav.) Kuntze

Pouteria lucuma è un albero della famiglia delle Sapotaceae, originario del Peru. Si utilizza il suo frutto, chiamato lúcuma in gastronomia, soprattutto per la produzione di dolci e gelati.

Non si deve confondere con il Lúcumo chileno (Pouteria splendens) originario delle valli andine cilene.

Origine e distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

È una pianta originaria delle valli andine peruviane, appartenente alla famiglia delle Sapotaceae, che si è diffusa anche presso gli altri Stati andini, mentre è piuttosto rara altrove. È coltivata anche nel Cile centrale, caratterizzato da clima mediterraneo, per cui è un frutto la cui coltivazione può essere tentata nell'Italia meridionale.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La Pouteria lucuma è un albero dal fusto dritto e cilindrico, che raggiunge i 15 metri di altezza. Il suo legno è leggero, di colore chiaro, di grana fine, resistente. La cima è densa e di forma sferica, le sue foglie si concentrano all'apice dei rami giovani e sono di forma ellittica, con la base schiacciata. Sono lunghe da 12 a 25 cm, coriacee e di color verde scuro nella parte interna.
I fiori sono singoli o in grappoli di due o tre, ascellati e di forma tubulare, piccoli, di colore giallo o verde, sempre ermafroditi. Hanno da 5 a 7 sepali pelosi, aderenti al punto di inserzione del picciolo del frutto.

Il frutto[modifica | modifica wikitesto]

Il frutto matura quasi nove mesi dopo la fertilizzazione dei fiori. Il frutto è oblungo, di solito con un apice conico arrotondato, ricoperto con una pelle delicata, di colore verde brillante nella maturazione, che cambia al castagno quando è maturo. Nelle varietà coltivate è lungo circa 15 cm e pesa circa 200gr. Durante la maturazione è pieno di lattice, una volta pronto per il consumo la polpa è di colore giallo-arancio, inusualmente secca, con amido, e molto dolce. Contiene da due a cinque semi ovali e schiacciati, di colore marrone scuro, con un bordo biancastro a un lato.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'albero è originario della Cordigliera centrale Andina del Sudamerica. Ricerche archeologiche situano l'inizio della sua coltivazione nelle valli interne della Ande da parte dei popoli preincaici. Qui il consumo del frutto e l'uso del legname sono molto documentati nelle rappresentazioni pittoriche dei nativi Amerindi. Le più antiche vengono datate all VIII millennio Ante Cristo, nella regione chiamata Callejon de Huaylas in lingua Ancash. La cultura Moche rappresentò la Lucuma come parte del suo interesse per i prodotti agricoli. Il suo legno fu usato nella costruzione del Santuario di Pachacàmac, dove si trovò nel 1938 un tronco di singolari dimensioni, rappresentante una figura totemica. Gli Europei conobbero la Lucuma in Quito, nel 1531. Però la sua coltivazione si estendeva alle valli Inca. La evidenza storica valuta il picco della sua coltivazione nell'epoca delle Cultura Moche, circa nel VII secolo d.C., la quale utilizzò tecniche di irrigazione e di coltivazione intensive per produrre quantità senza precedenti del frutto.
Durante l'epoca pre-ispanica la Lucuma era uno dei principali ingredienti della dieta degli aborigeni delle valli, congiunta al mais, ai legumi e alla Guayaba, così come alla quina e alla kiwicha nelle zone più elevate. All'arrivo degli europei si coltivava nell'altopiano Andino e nel Sud dell'Ecuador.

In Bolivia si produce nei dintorni di Las Paz.
In Cile si è introdotta la coltivazione dalla regione calda del Nord alla regione centrale, dove oggi si trova la maggior parte delle sue coltivazioni, tendendo a sostituire la specie nativa del Cile Pouteria splendens. In Costarica si produce nei dintorni di San Josè dove fu introdotta da immigrati all'inizio del secolo XX.
Alle Hawaii cresce e produce, tuttavia il suo consumo è limitato.
In Messico cresce e produce ma non si consuma in larga scala.
In Perù la maggior parte della coltivazione si concentra nelle zone di Lima, Ayacucho, La Libertad, Cajamarca y Huancavelica e la sua coltivazione cresce ogni anno, per la domanda assai elevata sia in Perù sia Internazionale. La COPROBA, organismo governativo peruviano, l'ha dichiarata uno dei prodotti bandiera del Perù.
USA. Alcuni tentativi di introdurre la sua coltivazione nel Sud degli Stati Uniti hanno dato risultati infruttuosi.

Coltivazione[modifica | modifica wikitesto]

L'albero preferisce temperature temperate, tra i 20 e i 22 C. , non resiste alle gelate. Il terreno ideale è arenoso, di buon drenaggio, ricco di sostanze nutritive, e di PH neutro.Elemento interessante, tollera bene terreno salino e alcalino. Non necessità di irrigazione costante, sopporta bene periodi brevi di siccità e periodi di elevata umidità, tuttavia non resiste alle inondazioni né alle temperature molto alte, condizioni alla quali è più adatta la Pouteria macrophyla.

La qualità della frutta varia molto con le condizioni di coltivazione. Produce frutto fino a 3000 m, però le condizioni migliori si trovano a circa 500 m sul mare. In condizioni favorevoli un albero produce annualmente, a partire dal quarto o quinto anno, da 200 a 300 frutti. Le produzioni migliori si hanno per alberi innestati, tuttavia anche i prodotti generati da seme sono validi.

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Usi alimentari[modifica | modifica wikitesto]

La Lucuma si consuma molto matura, alcuni giorni dopo la raccolta, nell'intervallo dovrebbe essere conservata avvolta in paglia o altro materiale simile. Ha un sapore intenso che ricorda l'infusione di arce, secondo alcuni è molto superiore. Si usa cotta in torte, paste e gelati, frullati, budini e altri modi. Il suo consumo fresco è meno frequente per un suo retrogusto, meno percettibile nelle varietà migliori.
L'uso nei dolci è esteso al tempo precolombiano in Perù, dove è considerata il frutto nazionale e prodotto di bandiera.
Per l'alto contenuto di amido, la polpa talvolta si secca per la conservazione, dà una farina molto dolce e nutritiva, contiene Ferro, Betacarotene, e Niacina. Può essere conservata congelata.

Usi del legname[modifica | modifica wikitesto]

Il legno è leggero ma compatto, e si utilizza per usi industriali e nelle costruzioni.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]


botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica