Pont Neuf

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pont Neuf
Pont Neuf Paris.jpg
Stato Francia Francia
Città Parigi
Attraversa Senna
Coordinate 48°51′27″N 2°20′29″E / 48.8575°N 2.341389°E48.8575; 2.341389Coordinate: 48°51′27″N 2°20′29″E / 48.8575°N 2.341389°E48.8575; 2.341389
Mappa di localizzazione: Parigi
Tipo ponte ad arco
Materiale pietra
Lunghezza 238 m
Larghezza 33 m
Progettisti Baptiste Androuet du Cerceau, Thibault Métezeau, Guillaume Marchand, François des Isles
Costruzione 1578-1607
 
Alcuni dei 385 mascarons

Il Pont Neuf è, nonostante il nome, il ponte più antico tuttora esistente a Parigi. Attraversa la Senna in corrispondenza della punta ovest dell'Île de la Cité. Costituito da diverse arcate in pietra, nel 1889 è stato classificato monumento storico della Francia, e nel 1991 l'UNESCO lo ha dichiarato Patrimonio dell'Umanità.

Escludendo i ponti lungo il Boulevard Périphérique (il Pont aval, 313 m, e il Pont amont, 270 m) il Pont Neuf è il più lungo di Parigi (238 m). Il nome deriva dal fatto che si tratta del primo ponte in pietra di Parigi (precedentemente i ponti erano costruiti in legno).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Enrico III di Francia decise di edificarlo nel 1577, il 16 marzo 1578 venne approvato il progetto definitivo e il 31 marzo dello stesso anno il re stesso pose la prima pietra dell'opera in presenza delle due regine, la madre Caterina de' Medici e la moglie Luisa di Lorena-Vaudémont. Il ponte sarà costruito sotto i regni di Enrico III e di Enrico IV di Francia, tra il 1578 e il 1607. A causa delle Guerre di religione francesi i lavori furono sospesi per dieci anni (1588-1598), finché nel 1599 Enrico IV ordinò la ripresa della costruzione. Il 2 gennaio 1602 egli autorizzò la realizzazione di una grande pompa ad acqua detta la Samaritaine, per rifornire il Palazzo del Louvre ed il Palazzo delle Tuileries, inclusi i giardini.

Questo ponte è anche il primo di Parigi su cui non compaiono costruzioni. Nel luglio 1606 il re decise di creare una piazza circondata da case aventi le stesse facciate, la Place Dauphine, a est del ponte.

I lavori terminarono nel 1607 e il ponte fu inaugurato dal re Enrico IV.

Il 23 agosto 1614, quattro anni dopo l'assassinio del re, fu inaugurata la statua equestre di Enrico IV, che per volere di Maria de' Medici era stata costruita da Giambologna; rimpiazzata poi durante la Restaurazione da una nuova.

Nel 1985 l'artista americano Christo, esponente della Land art, dopo lunghe trattative con il sindaco di Parigi, ha completamente avvolto il ponte con carta, lasciandolo "incartato" per 15 ore [1].

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

Differisce per tanti motivi dagli altri ponti parigini: innanzi tutto è stato il primo ponte ad attraversare la Senna in tutta la sua larghezza, collegando la riva destra, quella sinistra e l'estremità occidentale dell'Île de la Cité; poi è stato il primo a disporre di marciapiedi (i primi di Parigi) e di balcons a semicerchio; infine, lungo le sue arcate troviamo scolpiti ben 385 mascarons (mascheroni grotteschi), tutti dello scultore Germain Pilon.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Le Pont Neuf emballé par Christo en 1985

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]