Pietro Calabrese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Pietro Calabrese (Roma, 8 maggio 1944Roma, 12 settembre 2010) è stato un giornalista italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nacque a Roma da genitori siciliani, Giovanna Voltaggio e Salvatore Calabrese. Trascorse l'infanzia e l'adolescenza tra Palermo e Roma, dove studiò nel prestigioso Collegio San Giuseppe - Istituto De Merode, in piazza di Spagna. Dopo la laurea in giurisprudenza, nel 1969 entrò alla Camera dei deputati come borsista, per poi diventare funzionario parlamentare. In seguito, lasciò l'amministrazione di Montecitorio per dedicarsi a tempo pieno alla professione giornalistica. Giornalista professionista dal 1974, vinse un concorso per tre assunzioni all'agenzia ANSA, dove cominciò a lavorare.

Per otto anni fu corrispondente prima dell'ANSA e poi de Il Messaggero, rispettivamente a Madrid (due anni), Parigi (quattro anni) e Bruxelles (due anni), quindi divenne inviato speciale del quotidiano romano.

Nel 1988 venne nominato redattore capo, responsabile del servizio cultura de Il Messaggero. Nel 1990 lasciò il quotidiano romano, e fino al 1993 fu capo del servizio arti e spettacoli de L'espresso. Rientrò a Il Messaggero nel 1993 come redattore capo centrale. Nel 1995 fu promosso vicedirettore, eletto dai redattori su designazione del direttore Giulio Anselmi.[1] Ricoprì l'incarico di vicedirettore unico fino all'inizio del 1996, quando lasciò temporaneamente Il Messaggero per assumere un ruolo extragiornalistico come responsabile del Comitato per la candidatura di Roma per le Olimpiadi del 2004.

Nel giugno 1996 fu nominato direttore responsabile de Il Messaggero, incarico che ricoprì fino al settembre 1999. In quei tre anni mise insieme una squadra formidabile di giovani giornalisti, molti dei quali negli anni successivi sono diventati direttori di giornali e inviati di rango. Tra loro Giuseppe Di Piazza, direttore di Max e di Sette del Corriere della Sera; Umberto La Rocca, prima vicedirettore della Stampa e poi direttore del Secolo XIX; Fabrizio Paladini, direttore di Metro; Giuseppe Rossi, direttore di Leggo; Rita Pinci, vicedirettore del Messaggero, poi direttore di Specchio della Stampa e poi vicedirettore di Panorama; Stefano Barigelli, vicedirettore della Gazzetta dello Sport e poi vicedirettore del Messaggero; Giancarlo Minicucci, direttore del Quotidiano di Lecce; Paolo Traini, direttore del Corriere Adriatico; Virman Cusenza, direttore del Mattino. La più giovane della squadra, Fiorenza Sarzanini, è diventata negli anni il primo inviato di cronaca giudiziaria del Corriere della Sera. Nel periodo della sua direzione il quotidiano romano toccò l'indice più alto di vendite della sua storia, arrivando a trecentomila copie vendute giornalmente, secondo quanto riportato dal mensile Prima Comunicazione. Successivamente, passò alla Rai, dove guidò la Divisione TV Canale 3 e Offerte collegate, ruolo di prestigio ma di scarsa operatività. Lasciò quindi viale Mazzini e si trasferì a Milano per la RCS, che gli affidò dapprima la direzione del portale Hdpnet e quindi la direzione del mensile Capital.

All'uscita di Candido Cannavò dalla Gazzetta dello Sport, la RCS decise di puntare su risorse interne al gruppo e affidò a Calabrese il primo quotidiano sportivo italiano. Sotto la sua direzione la 'rosea' guadagna copie e pubblicità e per tre anni segna utili nel bilancio.

Nel 2004 diventò direttore del settimanale Panorama, in sostituzione di Carlo Rossella.

L'11 ottobre 2007 lasciò la direzione del settimanale, che venne affidata a Maurizio Belpietro. Contestualmente, fu nominato dall'allora sindaco di Roma Walter Veltroni membro del consiglio di amministrazione della Fondazione Cinema, che organizza la Festa del Cinema di Roma. Si dimise il 29 aprile 2008, in coerenza con i risultati delle elezioni amministrative che videro l'affermazione di Gianni Alemanno a sindaco della Capitale. A partire dal settembre 2008, il suo nome compariva frequentemente fra i candidati alla presidenza della RAI.

Negli ultimi anni di vita ha tenuto diverse rubriche su alcuni periodici: Moleskine su Sette, Je n'ai pas oublié su Prima Comunicazione e Biblioteca indispensabile su Novella 2000. Su Io Donna ha tenuto la seguitissima rubrica "Diario di cani- Dialoghi di Pippo e Tuna tradotti in umanese".

Dal 1993 era sposato con Barbara Pesce, medico radiologo. Sua figlia Costanza, nata dalla sua convivenza con Francesca, è giornalista dal 2005 ed è attualmente redattrice e conduttrice del TG5.

Nel novembre 2009, durante un'intervista televisiva, aveva fatto sapere di essere stato colpito da un tumore al polmone, raccontando il percorso intrapreso per curare e sconfiggere la malattia.

È morto a Roma il 12 settembre 2010 alle 5.15 nella Clinica Paideia a causa della malattia.[2]

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Il nuovo regolamento della Camera dei Deputati - Giuffré 1973.
  • Baarìa. Il film della mia vita, (con Giuseppe Tornatore), Rizzoli, 2009
  • L'Albero dei mille anni, Rizzoli, 2010

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il Patto integrativo aziendale del 1974 prevedeva che sulla nomina dei vicedirettori occorresse il voto vincolante della maggioranza dei redattori.
  2. ^ La sua morte ha suscitato un immenso cordoglio nel mondo del giornalismo, della politica, dello spettacolo, della società civile. Ai suoi funerali celebrati dal suo amico don Filippo Di Giacomo nella Chiesa romana di San Roberto Bellarmino, dove era stato battezzato, hanno partecipato migliaia di persone. Il suo corpo è stato cremato, le sue ceneri sono tornate in Sicilia. Il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, ha dichiarato: «La città di Roma si inchina dinnanzi a Pietro Calabrese», annunciando che avvierà le procedure per intitolargli una strada della capitale. È morto Pietro Calabrese Ansa.it

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Direttore del Messaggero Successore
Giulio Anselmi 6 giugno 1996 - 25 settembre 2000 Paolo Graldi
Predecessore Direttore de La Gazzetta dello Sport Successore
Candido Cannavò 12 marzo 2002 - 30 novembre 2004 Antonio Di Rosa
Predecessore Direttore di Panorama Successore
Carlo Rossella 9 dicembre 2004 - 10 ottobre 2007 Maurizio Belpietro

Controllo di autorità VIAF: 193017842 SBN: IT\ICCU\CFIV\247074

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie