Phaseolus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Phaseolus
Phaseolus coccineus 03.JPG
Phaseolus coccineus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Fabales
Famiglia Fabaceae
Sottofamiglia Faboideae
Tribù Phaseoleae
Sottotribù Phaseolinae
Genere Phaseolus L.
Specie

Il genere Phaseolus (fagiolo in senso ampio) comprende una cinquantina di specie di leguminose perlopiù rampicanti, tra le quali la più nota e rilevante per l'economia umana è Phaseolus vulgaris, il fagiolo comune (fagiolo in senso stretto).

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Le specie di questo genere sono in gran parte erbe annuali e hanno generalmente portamento rampicante. Esistono peraltro specie perenni e/o a portamento non rampicante (p.es. Phaseolus amblyosepalus).

Le foglie sono alterne, composte, imparipennate; generalmente sono formate da tre o cinque foglioline di forma ovale acuminata.

Foglie e frutti di Phaseolus lunatus

I fiori, irregolari a 5 petali, hanno la tipica corolla papilionacea delle leguminose e sono raccolti in infiorescenze laterali. I colori più comuni sono il bianco, il rosso, il rosa, il viola.

I frutti sono baccelli di colore verde, giallo, bruno o purpureo secondo le specie e le varietà, e contengono da 5 a 12 semi. Se non vengono raccolti, si aprono spontaneamente disperdendo i semi (frutti deiscenti).

Le radici presentano noduli che ospitano batteri capaci di fissare l'azoto atmosferico.

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Allo stato selvatico, il genere Phaseolus è presente solo nella fascia tropicale e subtropicale delle due Americhe, all'incirca tra 37°N e 30°S.

Sistematica[modifica | modifica sorgente]

Il genere Phaseolus è da sempre collocato nella famiglia delle Fabacee o Leguminose.

All'interno di questa famiglia, viene tipicamente collocato nella sottofamiglia delle Faboidee, tribù delle Fasolee, sottotribù delle Phaseolinae.

È considerato molto affine al genere Vigna e ad altri generi come Lablab, che in origine erano incorporati all'interno del genere Phaseolus.

A sua volta, il genere Phaseolus viene diviso in sottogeneri o sezioni.

In tutto, vengono attribuite al genere 50-70 specie secondo gli autori.

Tra queste, ricordiamo:

  • Phaseolus aconitifolius
  • Phaseolus acutifolius, fagiolo tepari o tepary (originario delle zone aride del Nordamerica)
  • Phaseolus adenanthus
  • Phaseolus angustissimus
  • Phaseolus antillanus
  • Phaseolus atropurpureus
  • Phaseolus bracteatus
  • Phaseolus caracalla
  • Phaseolus coccineus, fagiolone, fagiolo americano, fagiolo di Spagna, fagiolo della regina (a fiori rossi)
  • Phaseolus costaricensis
  • Phaseolus cylindricus
  • Phaseolus filiformis
  • Phaseolus grayanus
  • Phaseolus heterophyllus
  • Phaseolus lathyroides
  • Phaseolus leiospermus
  • Phaseolus lunatus, fagiolo lunato, fagiolo di Lima, fagiolo di Giava
  • Phaseolus maculatus
  • Phaseolus max
  • Phaseolus metcalfei
  • Phaseolus multiflorus
  • Phaseolus parvulus
  • Phaseolus pedicellatus
  • Phaseolus peduncularis
  • Phaseolus polyanthus
  • Phaseolus polymorphus
  • Phaseolus polystachios
  • Phaseolus ritensis
  • Phaseolus schottii
  • Phaseolus semierectus
  • Phaseolus sinuatus
  • Phaseolus smilacifolius
  • Phaseolus speciosus
  • Phaseolus sublobatus
  • Phaseolus supinus
  • Phaseolus trichocarpus
  • Phaseolus trinervius
  • Phaseolus tunkinensis
  • Phaseolus vulgaris, il fagiolo comune, originario dell'America Centrale (e forse di ulteriori regioni a nord o a sud).
  • Phaseolus wrightii

Alcune specie originarie del vecchio mondo, come Phaseolus aureus (fagiolo cinese), Phaseolus calcaratus (fagiolo delle risaie), Phaseolus mungo (fagiolo indiano), vengono generalmente attribuite al genere Vigna.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Benché gli antichi Greci e Romani non conoscessero il fagiolo, che è di origine americana, nondimeno la parola phaseolus è tratta da un'antica parola greca (phàselos) e latina (faselus o faseolus), che indicava un'altra leguminosa (secondo alcuni, del genere Vigna).

Importanza nell'alimentazione umana[modifica | modifica sorgente]

I fagioli sono ricchi di proteine e sono pertanto considerati vegetali pregiati per l'alimentazione umana. D'altra parte, possiedono anche sostanze tossiche che vengono normalmente distrutte dalla cottura.

La quantità di sostanze tossiche e la loro distruzione tramite cottura variano a seconda delle specie e per questo motivo non tutte si prestano all'uso alimentare.

La coltivazione del fagiolo in senso ampio (non solo Phaseolus vulgaris) è iniziata migliaia di anni fa nella vasta area compresa tra l'Arizona e il Cile settentrionale (più esattamente, probabilmente in Perù circa 8000 anni fa con Phaseolus lunatus).

Tra le specie che sono ancor oggi coltivate per usi alimentari, menzioniamo (in base a ILDIS ILDIS home page):

  • Phaseolus acutifolius, apprezzato per la resistenza alla siccità;
  • Phaseolus lunatus, che viene ancor oggi occasionalmente utilizzato per l'alimentazione umana, ma richiede una cottura prolungata per la presenza di fattori antinutritivi;
  • Phaseolus vulgaris, il fagiolo comune, larghissimamente coltivato.
Semi di fagiolo di Lima (Phaseolus lunatus)
Semi di fagiolo comune (Phaseolus vulgaris) di diverse varietà

Alcune specie, in passato coltivate per scopi alimentari, sono oggi coltivate soprattutto per ornamento; tra queste, menzioniamo Phaseolus coccineus.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]