Pantanal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il felino brasiliano, vedi Leopardus braccatus.
Curly Brackets.svg
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO Flag of UNESCO.svg
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Gnome-globe.svg Riserva della biosfera
Area di conservazione del Pantanal
(EN) Pantanal Conservation Area
Tipo Naturali
Criterio (vii) (ix) (x)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 2000
Scheda UNESCO (EN) Patrimonio
(FR) Patrimonio
(EN) Riserva

Il Pantanal è la più grande zona umida del mondo, un'immensa pianura alluvionale; è un'area centrale del Sudamerica situata per gran parte in Brasile (negli stati del Mato Grosso e del Mato Grosso do Sul), e in parte in Bolivia e in Paraguay. In totale, il Pantanal si estende per circa 150.000 km quadrati. Il nome Pantanal deriva dalla parola portoghese "pântano", che significa "palude".

Per nove mesi all'anno (stagione delle piogge) viene sommersa per l'80% della sua superficie dalle acque. È considerato l'ecosistema con il maggior numero di specie di flora e fauna del mondo. È molto facile avvistare gli animali di questa regione: giaguari, caimani, capibara, formichieri giganti, anaconda e centinaia di specie diverse di uccelli. Molto diffuso qui è il piranha rosso.

Gli abitanti, i pantaneiros, vivono da generazioni in sintonia con la natura selvaggia di questo posto allevando il bestiame in modo estensivo.

Le strade attraverso il Pantanal sono 4: la Transpantaneira/Pocone-Porto Jofre (in Mato Grosso), il Transpantaneira/Fiume Piquiri (nel Mato Grosso do Sul), la Strada Pantaneira (dalla città di Coxim, nel Mato Grosso do Sul) e Transpantaneira Road (dalla città di Rio Verde de Mato Grosso, nel Mato Grosso do Sul).

Nel settembre del 2001 una parte del Pantanal brasiliano, ampia 1.350 chilometri quadrati, è entrata a far parte del parco nazionale Pantanal Matogrossense. Nel 2000 il Pantanal è stato inserito nell'elenco delle riserve della biosfera e in quello dei Patrimoni dell'umanità dell'UNESCO.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]