Nostra Signora di Beauraing

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La "Vergine dal Cuore d'oro", Santuario di Beauraing, Belgio

Nostra Signora di Beauraing (chiamata anche la "Vergine dal Cuore d'oro"), è l'appellativo con cui i cattolici venerano Maria, in seguito alle apparizioni che avrebbero avuto, dal 1932 al 1933, cinque ragazzi presso Beauraing, paese nel sud del Belgio.

Le apparizioni sono state riconosciute ufficialmente dalla Chiesa cattolica il 2 febbraio 1943.[1]

La storia delle apparizioni[modifica | modifica sorgente]

A Beauraing, il 29 novembre 1932, verso le 18, Fernande (15 anni) e Albert (11 anni) Voisin, su richiesta del padre, si recarono a prendere la sorella Gilberte (13 anni) presso il pensionato delle Suore della Dottrina Cristiana, dove studiava abitualmente; li accompagnavano le amiche Andrée (14 anni) e Gilberte (9 anni) Degeimbre.

Davanti alla porta del pensionato Albert si voltò e vide, secondo quanto raccontò in seguito, una figura luminosa femminile camminare sul ponte della ferrovia, con le mani giunte, sopra una nuvola che le nascondeva i piedi: tutti i ragazzi, compresa la sopraggiunta Gilberte, raccontarono di aver visto l'apparizione, che identificarono con la Madonna[2], e subito dopo, impauriti, scapparono.

Le presunte apparizioni continuarono nei giorni successivi: furono in tutto 33, e si conclusero il 3 gennaio 1933.

Dopo il primo giorno, i ragazzi si recarono tutte le sere sul luogo dell'apparizione, ma la Madonna non apparve quotidianamente; dal 29 dicembre si mostrò con il cuore illuminato, come d'oro, per cui i veggenti la chiamarono "La Vergine dal cuore d'oro".

Il 2 dicembre la Madonna parlò per la prima volta, chiedendo ai ragazzi di "Essere molto buoni", il 17 chiese la costruzione di una cappella, il 21 si presentò come la "Vergine Immacolata", il 23 spiegò la ragione della sua apparizione: "Affinché tutti vengano in pellegrinaggio qui"; il 30 dicembre chiese "Pregate, pregate molto", il 1º gennaio disse "Pregate sempre"; il 3 gennaio, data dell'ultima apparizione, dopo aver rivelato un segreto ai tre ragazzi più giovani, promise: "Io convertirò i peccatori", e aggiunse "Io sono la Madre di Dio, la Regina dei cieli", e ancora "Amate mio Figlio ? Amate me ?…Allora, sacrificatevi per me", e concluse "Addio".

Il giudizio della Chiesa cattolica[modifica | modifica sorgente]

Nel 1935 il vescovo di Namur costituì una commissione di inchiesta, il 2 febbraio 1943 il suo successore, monsignor Charue, autorizzò il culto di Nostra Signora di Beauraing, e il 2 luglio 1949 riconobbe il carattere soprannaturale delle apparizioni.

Il 18 maggio 1985 papa Giovanni Paolo II si recò a Beauraing, dove pregò dinanzi alla statua della "Vergine dal cuore d'oro", incontrando anche Gilberte e Albert Voisin e Gilberte Degeimbre.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ PROFEZIE PER IL TERZO MILLENNIO (le apparizioni e i messaggi di Beauraing)
  2. ^ http://beauraing.catho.be/fr/fr_000_frames.html Sito ufficiale

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Sister Mary Amatora, The Queen's heart of gold;: The complete story of Our Lady of Beauraing , Exposition Press, 1972

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cattolicesimo