Nervo otturatorio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nervo otturatorio
Gray344.png
Strutture dell'anca. Il nervo otturatorio è visibile in alto a destra.
Gray827.png
Nervi dell'arto inferiore
Anatomia del Gray subject #212 953
Sistema Sistema nervoso periferico
Innerva compartimento mediale della coscia
Origina neuromeri L2-L4 del plesso lombare

Il nervo otturatorio è un nervo misto che origina con tre radici dal plesso lombare e comprende fibre provenienti da L2, L3 e L4. La radice superiore origina dall'ansa anastomotica fra L2 e L3, la radice media da L3 e la radice inferiore da L4.

Territorio di innervazione[modifica | modifica wikitesto]

Il nervo otturatorio innerva il muscolo otturatorio esterno e i muscoli della loggia mediale della coscia a eccezione del pettineo. Innerva inoltre la cute della metà inferiore della faccia mediale della coscia. Partecipa anche all'innervazione delle articolazioni di anca e ginocchio.

Decorso[modifica | modifica wikitesto]

Dalla confluenza delle tre radici origina un unico tronco che si porta in cavità pelvica coperto dal grande psoas. A livello dello stretto superiore della pelvi abbandona lo psoas e decorre lungo la parete laterale della cavità assieme ai vasi otturatori, fino a raggiungere il canale otturatorio. Qui emette un ramo collaterale destinato al muscolo otturatorio esterno. Dopo aver attraversato il canale otturatorio ed essersi quindi portato nella loggia mediale della coscia, si divide nei suoi rami terminali: un ramo anteriore e uno posteriore.

Ramo anteriore[modifica | modifica wikitesto]

Il ramo anteriore è quello di maggiori dimensioni. Decorre verso il basso fra i muscoli adduttori lungo e breve, che innerva assieme al gracile. Quindi si anastomizza con rami del nervo femorale e si distribuisce alla cute inferomediale della coscia e all'articolazione del ginocchio.

Ramo posteriore[modifica | modifica wikitesto]

Il ramo posteriore scende fra l'adduttore breve da una parte e gli adduttori grande e minimo dall'altra. Innerva questi muscoli e le articolazioni di anca e ginocchio.