Michael Wilding

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Michael Wilding nel film Paura in palcoscenico (1950)

Michael Wilding, all'anagrafe Michael Charles Gauntlet Wilding (Leigh-on-Sea, 23 luglio 1912Chichester, 8 luglio 1979), è stato un attore cinematografico britannico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Wilding trascorse la sua prima infanzia in Russia, dove il padre lavorava come linguista per i Servizi militari britannici d'Informazione[1]. Al rientro in Inghilterra frequentò la Christ's Hospital Blue Coat School[1].

Originariamente pittore ritrattista[2], a diciassette anni scoprì di avere una certa predisposizione per la recitazione[1], e iniziò la sua carriera di attore cinematografico debuttando nel 1933 nel film Ottocento romantico. In seguito si fece una certa esperienza recitando con compagnie teatrali e tornò stabilmente al cinema all'inizio degli anni quaranta, diventando una star grazie alle apparizioni a fianco dell'attrice Anna Neagle in pellicole di intrattenimento ambientate nell'alta società[1]. In questi film, diretti prevalentemente dal regista Herbert Wilcox, marito della Neagle, Wilding si fece apprezzare dal pubblico per il suo fascino educato e aristocratico, in ruoli di distinto gentiluomo[2].

Il suo bell'aspetto e il fascino garbato gli valsero nel 1949 il titolo di attore più popolare in Gran Bretagna, anche se Wilding stesso era il primo ad ammettere i propri limiti di interprete[1]:

« Sono il peggiore attore che io abbia mai incontrato, senza alcun talento, se non una certa inclinazione per la mimica »
(Michael Wilding[3])

Tra le sue migliori interpretazioni, sono da ricordare Un marito ideale (1947) di Alexander Korda, Il peccato di Lady Considine (1949) e Paura in palcoscenico (1950), entrambi diretti da Alfred Hitchcock. Spostatosi dal Regno Unito a Hollywood, Wilding lavorò spesso negli anni successivi in grosse produzioni come Sinuhe l'egiziano (1954), Il mondo di Suzie Wong (1960) e Waterloo (1970), e anche per la televisione.

È stato sposato quattro volte. La prima con Kay Young dal 1937 al 1951; la seconda, con Elizabeth Taylor dal 1952 al 1957, matrimonio al quale l'attore dovette in gran parte la popolarità negli Stati Uniti[2]. Dopo il divorzio dalla Taylor, dalla quale aveva avuto due figli, Michael Jr. (nato nel 1953) e Christopher (nato nel 1955), Wilding si sposò la terza volta con l'ereditiera americana Susan Neill dal 1958 al 1962. L'ultimo matrimonio fu con l'attrice Margaret Leighton, dal 1964 al 1976, anno della morte di lei.

La sua ultima apparizione cinematografica risale al 1972, con un cameo in Peccato d'amore, dove la protagonista era la moglie Margaret Leighton.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Il chi è del cinema, De Agostini, 1984, Vol. II, pag. 551
  2. ^ a b c Le Garzantine - Cinema, Garzanti, 2000, pag. 1238
  3. ^ Il chi è del cinema, Vol. II, De Agostini, 1984, pag. 551

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 8531204 LCCN: n82102809