Melpomene

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'asteroide, vedi 18 Melpomene.
Melpomene nel dipinto "Esiodo e la musa" (1891) di Gustave Moreau

Nella mitologia greca, Melpomene (in greco Μελπομένη) era la musa della tragedia, figlia di Zeus e di Mnemosine (cioè della potenza e della memoria). Ci è nota anche per il suo rapporto con Dioniso. Il suo nome, infatti, è derivato dal greco μελπομαι, che significa "festeggiare con danze e canti".

Viene spesso rappresentata con una maschera tragica e calzante i coturni, tradizionali sandali tragici; oltre a ciò porta spesso seco un coltello o un bastone, mentre in capo può portare una corona in cipresso. Il suo sguardo è spesso severo e grave: con ciò, la musa indica che la tragedia è un'arte difficile, potente, che richiede grande ingegno ma soprattutto molta fantasia. Alcune tradizioni vogliono che dall'unione di Melpomene con Acheloo, dio fluviale, figlio di Oceano e Teti, siano nate le Sirene, esseri mitologici con testa di donna e corpo di uccello, che con il loro canto attirano i marinai per poi condurli a una morte certa.


Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Muse dell'Arte
Calliope · Clio · Erato · Euterpe · Melpomene · Polimnia · Talia · Tersicore · Urania
Controllo di autorità VIAF: 8323913 · GND: 124538517
mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca