Mauro Curradi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Nei miei romanzi descrivo la naturale disumanità della borghesia »
(Intervista di Mauro Curradi alla Nazione Indiana [1])

Mauro Curradi (Pisa, 192523 agosto 2005) è stato uno scrittore italiano, allievo di Natalino Sapegno.

Sotto la supervisione di Vittorio Sereni e Niccolò Gallo (e la stima di Aldo Palazzeschi), iniziò le pubblicazioni negli anni cinquanta.

È vissuto a lungo in Marocco e ha collaborato con vari Istituti italiani di cultura all'estero che lo hanno portato a soggiornare in varie città del mondo (Stoccolma, Addis Abeba, Nuova Delhi, Tel Aviv, Tunisi) che dimostrano la sua tolleranza e interesse per le culture diverse senza problemi di etnia.

Ha pubblicato romanzi presso gli editori "Mondadori", "L'Obliquo" e "Meridiano zero".

Nella recensione al romanzo "Cera e oro" su l'Espresso Marco Belpoliti ha scritto del suo elegante stile narrativo:

« ... una prosa molto sorvegliata che cattura il lettore per la sua tensione interna, e si distende in pagine secche, ritmate, composte da brevi frasi che danno il senso di una nascosta ricchezza: un barocco senza sfarzi, volute e ori. È un peccato che un narratore così bravo e naturale sia ancora poco conosciuto. Sarebbe ora che la sua leggenda di viaggiatore e sismografo della borghesia italiana uscisse dai cerchi ristretti dei devoti estimatori e trovasse il posto che merita nella narrativa italiana contemporanea. »
(Articolo "Esotismo di classe" su "l'espresso" del 1 agosto 2002 [2])

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Mauro Curradi, Cera e oro, Collana: Questa non è una pipa [3], Padova, Meridiano Zero, 2002, ISBN 8882370453. [4]
  • Mauro Curradi, Passato prossimo, Collana: Questa non è una pipa, Padova, Meridiano Zero, 2003, ISBN 8882370577. [5]
  • Mauro Curradi, Persona non grata, Collana: Questa non è una pipa, Padova, Meridiano Zero, 2003, ISBN 8882370623.
  • Mauro Curradi, Junior, Collana: Questa non è una pipa, Padova, Meridiano Zero, 2005, ISBN 8882370836.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Intervista apparsa sulla Nazione Indiana nel 2004
  2. ^ La recensione de l'espresso su Meridiano zero editore
  3. ^ Il nome della collana deriva da un celebre quadro Ceci n'est pas une pipe (Questa non è una pipa) del pittore surrealista belga René Magritte
  4. ^ Recensioni al libro su "Meridiano Zero" editore
  5. ^ Recensioni al libro su "Meridiano Zero" editore

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]