Mascara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Mascara (disambigua).
Tubetto di mascara

Il mascara, conosciuto anche come rimmel, è un cosmetico impiegato nel maquillage degli occhi. Consiste in un fluido colorato che si applica con un pettinino sulle ciglia superiori ed inferiori. I colori variano di poco, dal classico nero al marrone o blu. In commercio ne esistono diversi tipi: allunganti, infoltenti, incurvanti; molti sono anche arricchiti di vitamine.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il termine mascara viene da maschera (in italiano). Il moderno mascara è stato inventato nel 1913 da un chimico, T. L. Williams, per sua sorella Mabel. Questo primo mascara era composto da polvere di carbone e vaselina allo stato gelatinoso. Le prove furono un successo e Williams iniziò a venderlo via posta. Fondò la compagnia Maybelline, che diventerà una azienda leader del settore cosmetico.

Il mascara era venduto solo in pani ed era composto di coloranti e cera di carruba. Per impiegarlo si bagnava uno spazzolino e lo si passava sul panetto di mascara, quindi applicato alle ciglia degli occhi. La confezione moderna con tubetto e spazzolino apparve solo nel 1957, quando fu introdotto da Helena Rubinstein.

Utilizzo[modifica | modifica sorgente]

Il mascara deve essere applicato su tutta la lunghezza delle ciglia, da un angolo all'altro dell'occhio. Lo spazzolino intriso di mascara va passato dalla base delle ciglia fino alla punta. Il mascara applicato alle ciglia superiori rende l'occhio molto profondo, mentre l'applicazione nelle ciglia inferiori lo rende più largo.

I rischi maggiori legati all'uso del mascara sono dovuti a ferite alla superficie oculare causate dallo spazzolino, ed a possibili reazioni allergiche, anche gravi.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Moda Portale Moda: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Moda